CulturaPrimo Piano

“Se muore il Sud” di Rizzo e Stella: presentazione a Palermo

Si terrà mercoledì 22 gennaio, dalle ore 18, presso l’Aula Magna della Facoltà di Giurisprudenza di Palermo la presentazione del libro “Se muore il Sud” di Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella.

La manifestazione, organizzata dall’associazione studentesca ContrariaMente – Rete Universitaria Mediterranea in collaborazione con La Feltrinelli, editrice dell’opera, si inserisce nel percorso di sensibilizzazione della cittadinanza e, in particolare, degli studenti portata avanti dal sodalizio uni-versitario dell’Ateneo palermitano sui temi legati alle politiche locali, sviluppo e formazione.

Alla conferenza di presentazione prenderanno parte il Presidente della Regione Rosario Crocetta, l’Assessore Regionale all’Istruzione e alla Formazione Professionale Nelli Scilabra, il Rettore dell’Università di Palermo Roberto Lagalla, Filippo Parrino della Legacoop Sicilia e Salvo Di Chiara, Consigliere nazionale degli studenti universitari e Presidente della R.U.M.

Eccezionale la presenza dei due Autori, i giornalisti Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella, che, dopo il successo di bestsellers come “La casta”, tornano a scrivere a quattro mani un’opera di denuncia nei confronti dell’abbandono del Mezzogiorno d’Italia ma, al contempo, di valorizzazione del “Sud che vola”.

A moderare l’incontro, che assicurerà ai partecipanti l’attribuzione di un credito formativo universitario, Antonio Fraschilla, firma de “La Repubblica”.

Grande soddisfazione dagli organizzatori di ContrariaMente – R.U.M. «Ancora una volta l’impegno della Rete Universitaria Mediterranea offre agli studenti una formazione che va ben oltre l’offerta che l’Ateneo riesce a dare – commentano –. Siamo convinti che simili spunti di riflessione su tematiche sociali, culturali e politiche diano alla carriera accademica, che troppo spesso ne è priva, il vero senso nella creazione di nuove coscienze e cittadini migliori».

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.