Primo Piano

Scuola: Tar, giovedì dovrà decidere ricorso precari

Nadia Spallitta. Foto Internet

‘’E’ affidata al Tar di Palermo la sorte di centinaia di precari della scuola, assistenti tecnici e amministrativi che insieme ai docenti garantiscono il regolare e buon funzionamento delle istituzioni scolastiche . Giovedì 24 il Tar dovrà decidere sulla illegittimità dei drastici tagli operati dal ministro Gelmini per questo personale in relazione agli 2010, 2011 e 2012’’. Lo dice l’avvocato Nadia Spallitta.

‘’In realtà esistono già pronunce che accolgono favorevolmente ricorsi analoghi – prosegue –del Tar di Palermo e del Tar del Lazio, che tuttavia il ministero ha ingiustificatamente disatteso continuando ad operare riduzioni di personale, che dopo 10 anni di attivita’ di e’ ritrovata senza lavoro. A questo si aggiunge la sistematica violazione da parte del Miur di norme europee che vietano il precariato di lunga durata, in altri termini più che ridurre posti in organico, lo Stato avrebbe dovuto assumere questi precari con contratti a tempo indeterminato’’.

‘’Non si può non segnalare – aggiunge – il disagio che questi provvedimenti di riduzione assunti con procedure irregolari e senza pareri di legge determinano all’interno delle scuole impossibilitate a svolgere servizi essenziali, quali ad esempio quelli dei lavoratori o delle attivita’ amministrative, causa di gravi danni alle attivita’ didattiche e formative’’. “Auspico – conclude- che possa essere accolto ancora una volta il ricorso del personale Ata e che la Corte costituzionale sia chiamata a decidere sulle ultime disposizioni di legge, dichiarandone l’illegittimità alla luce delle disposizioni europee’’.

Comunicato stampa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.