Primo PianoScuola & Università

SCUOLA e PA – Stipendi divorati dall’inflazione, lo certifica l’Aran: in otto anni persi 8,1 punti percentuali

Aveva piena ragione Anief a lamentare la totale inadeguatezza degli aumenti previsti dal recente rinnovo contrattuale.

(di redazione) La conferma giunge in queste ore dall’aggiornamento dell’Agenzia per la rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni, che ha raccolto i dati sulla base delle risultanze provenienti dal Conto annuale della Ragioneria Generale dello Stato, tenendo conto delle retribuzioni medie pro-capite di comparto, distinte in retribuzione fissa e retribuzione accessoria.

I dati, aggiornati al 20 aprile scorso, ci dicono che dal 2007/08 al 2015/16, negli anni del blocco dei contratti pubblici, gli aumenti nel settore privato sono stati pari a 3,6 punti.

Nello stesso periodo, invece, i dipendenti del pubblico impiego e della scuola sono stati remunerati sempre con lo stesso stipendio, perdendo gradualmente oltre 8 punti. Salvo ritrovarsi, a seguito dell’accordo sul rinnovo del contratto definito nelle scorse settimane e ratificato dieci giorni fa, la miseria dello 0,36% di arretrati per il solo 2016.

 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): I lavoratori pubblici e della scuola sanno bene come stanno le cose ed è anche per questo motivo che il nostro giovane sindacato ha ottenuto un exploit di consensi in occasione del rinnovo delle Rsu di categoria, svolto a metà aprile.

Anief nel suo programma aveva ricordato, anche nel programma sindacale ufficiale, la ridicolaggine degli arretrati corrisposti attraverso l’ultimo contratto, definito non a caso vergognoso.

Soltanto di indennità di vacanza contrattuale, il personale avrebbe dovuto ricevere il 4%. Né va meglio esaminando il gap relativo allo stipendio tabellare: tra il 2010 e il 2016, il personale della scuola ha perso ben 1.147 euro, incluso di accessorio, complessivamente 353 euro rispetto al 2012. Per tale ragione, consideriamo l’ultimo accordo illegittimo e lesivo della Costituzione. E per questi motivi, continueremo imperterriti la nostra lotta nei tribunali, al fine di recuperare almeno il 50% del tasso IPCA non aggiornato dal settembre 2015.

 

Anief, pertanto, prosegue i ricorsi gratuiti per far attribuire ai lavoratori il conferimento dell’indennità di vacanza contrattuale nel periodo 2008-2018 e recuperare cifre molto più cospicue di quelle ridicole in arrivo.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.