CronacaPrimo Piano

Scontri a Roma, le parole dei presenti

Scontri a Roma. Foto Internet

Finisce con sette feriti, di cui uno grave, l’assalto ad un pub di Campo de’ Fiori nel centro di Roma.

Mercoledì notte al “Drunken Ship”, il nome del locale frequentato anche da stranieri, una cinquantina di persone sono entrate e hanno aggredito un gruppo di tifosi del Tottenham, presenti in vista della partita della Lazio. Dopo le prime tensioni, il personale del pub ha chiamato la polizia.

Alcuni degli aggressori erano a volto coperto e sono riusciti a fuggire all’arrivo delle forze dell’ordine. Oltre alle aggressioni anche il locale ha subito danni. I clienti descrivono l’accaduto, come un fatto di guerriglia.

“I ragazzi inglesi erano nel locale sin dal tardo pomeriggio – racconta il manager del locale Fabio Crecca – bevevano e chiacchieravano tranquillamente tra loro. Non è successo nulla per tutta la serata-continua- finché a un certo punto dalla finestra ho visto un gruppo di uomini  che si avvicinava al locale correndo e tirando roba contro i tavoli”. Spiega che l’aggressione è continuata sino all’arrivo dei carabinieri. Stessa versione per Dave Webster, tifoso Tottenham che ha visto le scene dal bar a lato. “La prima cosa che ho visto è stata un vetro rompersi”, dice. “Poi donne che urlavano e gente che correva, con sangue sulle braccia e sulla testa”

Intanto sono cinque le persone fermate. L’ipotesi del raid da parte dei tifosi biancocelesti è ormai esclusa, visto che fra i fermati c’è anche un tifoso romanista. Per questo gesto arriva la condanna del presidente laziale Claudio Lotito e il sindaco di Roma Gianni Alemanno dichiara: “Si tratta di un episodio bruttissimo di teppismo”.

Matteo Melani

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.