Televisione

Sanremo, tra gli ospiti Carla Bruni e Roberto Baggio

Fabio Fazio, foto internet

“Manco da 13 anni dal Festival, e da Rai 1. Per me è un ritorno a casa importante”: così Fabio Fazio ha aperto la conferenza stampa di presentazione del 63/o Festival di Sanremo. “Il nostro obiettivo – ha aggiunto, parlando accanto a Luciana Littizzetto – è quello di essere allegri e rispettosi. Al Festival bisogna voler bene, fa parte della nostra storia, nel bene e nel male. E’ un oggetto affettuoso”.

“Il fatto che ci sia io al Festival – ha detto Littizzetto – significa che c’é la spending review”.

Roberto Baggio, i direttori Daniel Barenboim e Daniel Harding, Andrea Bocelli (nella serata conclusiva) e l’ex premiere dame di Francia Carla Bruni saranno tra gli questi del 63/o Festival di Sanremo. Carla Bruni canterà una sua canzone. Tra gli ospiti anche Caetano Veloso, Asafa Avidan, il ballerino Lutz Foster, Claudio Bisio, Beppe Fiorello, Neri Marcore‘.

Marco Alemanno sarà tra i ‘proclamatori’ dei vari vincitori del Festival di Sanremo. Lo hanno annunciato Fabio Fazio e Luciana Littizzetto precisando che saliranno sul palco dell’Ariston a proclamare anche personaggi come la tennista Flavia Pennetta, Benedetta e Cristina Parodi, Filippa Lagherback, Paola Damico, Vincenzo Montella, il pallanuotista Stefano Tempesti, la campionessa di tiro con l’arco Jessica Rossi.

Carlo Verdone, Serena Dandini, Stefano Bartezzaghi, Nicola Piovani, Eleonora Abbagnato, Claudio Coccoluto, Nicoletta Mantovani, Cecilia Chailly, Rita Marcotulli e lo scrittore Paolo Giordano sono invece tra i membri della giuria i Qualità del Festival di Sanremo.

Il 63/o Festival di Sanremo renderà un omaggio speciale a Giuseppe Verdi in occasione del bicentenario della nascita. Lo ha annunciato Fabio Fazio senza precisare in cosa consisterà l’omaggio. “Sarà una sorpresa – ha precisato -. Di certo ci interessa approfondire l’intreccio tra musica d’arte e musica popolare. Vogliamo andare alle radici della musica popolare”.

Un Festival di Sanremo trattato come “oggetto d’affetto” di tutti gli italiani, che dunque merita “allegria e rispetto”: così Fabio Fazio intende interpretare la 63/ma edizione del Festival. “Cercheremo di essere allegri, sorridenti e rispettosi, perché al Festival bisogna voler bene, fa parte della storia italiana”. Per questo Fazio ha reso noto di aver invitato anche Pippo Baudo per la serata dedicata a ‘Sanremo Story’, nel corso della quale scorreranno canzoni storiche, da Piazza Grande a Che freddo fa. “Per me questo Festival è una cosa bella. Ho accettato senza pensarci troppo” ha aggiunto Fazio.

Rai1 “ha bisogno di una scossa, di un cambiamento”, ed è per questo motivo che il direttore, Giancarlo Leone, ha voluto Fabio Fazio come conduttore del festival di Sanremo. “La rete va bene in termini di ascolti – ha precisato -. Ma c’é bisogno di un cambiamento. L’età media del pubblico è 60,4 anni, c’é bisogno di innesti importanti”. Fabio Fazio è, potenzialmente, uno di questi. “Non so se riuscirò a strappare Fazio a Rai3 – ha aggiunto Leone – ma c’é bisogno di novità. E nello stesso tempo c’era bisogno di qualcosa di nuovo nel Festival. Leo scorse edizioni sono andate molto bene in termini di ascolto. Ma era tempo di cambiare“. Leone ha detto che l’obiettivo per il Festival di quest’anno é di arrivare al 40% di share. “Negli ultimi 5 anni siamo passati al 35% del 2008 al 47% del 2012. Quest’anno riterremmo soddisfacente il 40%” ha detto Leone.

Il Festival di Sanremo targato Fabio Fazio sarà in linea con la par condicio e, appunto, sarà “rispettoso” della campagna elettorale e delle forze politiche che vi sono impegnate. Ma tutti gli artisti che saliranno sul palco dell’Ariston “avranno piena libertà”, non saranno vincolati a stare dentro determinati parametri. Lo ha detto il direttore di Raiuno, Giancarlo Leone, nella conferenza stampa di presentazione del 63/mo Festival. “Da Neri Marcoré a Claudio Bisio agli altri artisti che saranno a Sanremo – ha detto Leone – avranno piena libertà, non chiediamo che ci vengano a dire in anticipo cosa diranno o come lo diranno. E’ evidente che, essendo in campagna elettorale, ci si affida al buon senso di tutti”.

Fonte ANSA

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.