Cronaca

Sanità, metodo di contrasto fatale durante una risonanza

Policlinico

Morire per un’intolleranza al metodo di contrasto durante una semplice risonanza magnetica. È ciò che è accaduto al Policlinico Umberto I di Roma a Rosaria Mancini, 52 anni.

Secondo le indagini degli inquirenti la donna sarebbe deceduta in seguito ad una reazione allergica al liquido iniettato. Non era la prima volta che si sottoponeva a controlli al Policlinico in quanto da  lì a breve avrebbe dovuto essere operata al pancreas; quindi i medici dovevano conoscere bene il quadro clinico della paziente che risultava intollerante ad alcuni tipi di farmaci.

Proprio per questo motivo a Rosaria era stato iniettato un liquido di contrasto diverso: precauzione vana. La donna è morta in pochi minuti sotto lo sguardo impotente del marito, che ha denunciato l’accaduto, e dopo gli inutili interventi dei medici.

Il reato ipotizzato è quello di omicidio colposo. Si dovrà attendere l’esito dell’autopsia per stabilire con certezza le cause dl decesso della 52enne.

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.