Scuola & Università

Sanità, inaugurata la tomoterapia all’ospedale Civico

Tomoterapia, foto internet

Da oggi a Palermo esiste un’arma in più per la lotta contro il cancro. Al Civico è stato inaugurato il sistema per la tomoterapia, ossia una forma di radioterapia che consente di rimuovere alcune patologie tumorali attraverso emissioni di radiazione mirate che escludono i tessuti sani.

Alla presentazione hanno partecipato personalità del campo medico e accademico nonché autorità politiche impegnate nella tutela della salute pubblica e nell’organizzazione dei servizi sanitari diretti al cittadino.

“Abbiamo fatto passi in avanti – ha affermato Adelfio Elio Cardinale, sottosegretario alla Salute – nel campo della radioterapia. La tomoterapia rappresenta in tal senso l’espressione della volontà di sapere far bene in campo medico. Questa è, nel suo genere, l’unica struttura pubblica presente al Sud e con la quale vogliamo porre freno ai viaggi della speranza che implicano costi e sofferenze per i familiari dei pazienti”.

Cardinale si sofferma anche sull’attività del Governo in materia di salute pubblica, spezzando una lancia a favore di esso: “Questo è un esempio di come sia possibile coniugare buona politica e buona sanità. Il Governo – ha proseguito – sta continuando la sua lotta agli sprechi e alle inefficienze in questo campo. Sappiamo che la strada è ancora lunga ma siamo consapevoli di essere sulla via giusta se è vero che il nostro sistema sanitario rappresenta uno dei migliori a livello europeo per eccellenze e standard qualitativi, nonostante le difficoltà”.

Alle dichiarazioni del sottosegretario fanno eco quelle del neo assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino: “I progressi in campo medico-sanitario, come quelli rappresentati dalla tomoterapia, sono indice di una programmazione attenta, volta a tutelare la salute psicofisica dell’individuo e a recuperare anche la dimensione umana del rapporto tra paziente e medicina. Ma è anche segno di uno sviluppo economico sostenibile, indirizzato allo sviluppo delle tecnologie e contro ogni forma di spreco. La sanità – ha evidenziato l’assessore – non deve essere intesa esclusivamente come un costo ma è anche opportunità di sviluppo. Per questo è necessario effettuare investimenti che nel lungo periodo comporteranno standard sanitari qualitativamente elevati e un risparmio per le casse pubbliche”.

Infine, la Borsellino plaude alla celerità del progetto inaugurato sebbene con qualche appunto sui meccanismi burocratici: “Questa struttura è stata possibile realizzarla grazie ai fondi europei stanziati, spesi in maniera oculata. Certo – ha sottolineato – ci sono ancora dei rallentamenti per l’accesso e l’uso di questo risorse: è importante migliorare anche l’iter che consente di usufruire di tali finanziamenti. In ogni caso, è encomiabile lo sforzo prodotto dal Civico in soli otto mesi per realizzare il sistema di tomoterapia. Un successo – conclude – ottenuto in tempi brevi grazie anche ad un’attenta programmazione. Ciò consentirà un accesso equo alle cure, segno importante del rispetto per la dignità delle persone che non deve mai venir meno”.

Marco Cirincione

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.