PoliticaPrimo Piano

Salvini a Villabate: selfie, applausi e contestazioni

foto facebook

Nuova tappa del tour elettorale del leader della Lega in vista delle amministrative. Dopo le tappe a Gela, Marsala e Agrigento, è arrivato ieri, 13 maggio, a Villabate, dove è andato a sostenere la candidatura del sindaco Paolo Corrao della lista “Noi con Salvini”.

Per il suo comizio, in un condominio in via Paruta, attivisti e simpatizzanti hanno allestito un piccolo palco. E appena sceso dall’auto il leader   è stato circondato dalla folla che lo ha abbracciato calorosamente.  Salvini, a sua volta, ha dispensato strette di mano e si è concesso decine di selfie. Anche stavolta, per l’occasione, ha indossato, intrufolandosi in una casa al pianterreno, una maglietta azzurra preparata ad hoc dai suoi sostenitori, con la scritta «io sto con il sindaco soldato», riferito al candidato sindaco, e dietro, sulle spalle, «Villabate»

Durante il comizio, iniziato intorno alle 16 e al quale hanno assistito circa 200 persone, il primo affondo lo ha fatto all’indirizzo del Governatore: “Crocetta è un disastro per la Sicilia, basti guardare la sanità”.  Il comizio è durato poco più di mezz’ora, poi Salvini  è tornato nell’appartamento al piano terra di via Oreto dove si era cambiato, per regalare la maglietta , indossata per l’occasione, all’anziana proprietaria della casa.

In strada ad attenderlo  ha trovato anche alcune decine di contestatori. I manifestanti, per lo più ragazzi appartenenti al gruppo nato su Facebook Orgoglio terrone, erano raccolti dietro uno striscione con la scritta «Salvini come Renzi, basta passerelle e chiacchiere», ma nonostante ciò Salvini replica: « Noi abbiamo sempre contestato e sempre contesteremo la politica del sud, i falsi invalidi, i falsi forestali e tutti quelli che vivono di assistenzialismo. C’è un sud che ha voglia di camminare sulle sue gambe, senza essere assistito. Vogliamo dare voce al sud che non vuol andare in giro con il cappello in mano e che per farsi curare non vuol andare negli ospedali di Milano».

“Tornerò in Sicilia, tornerò a Villabate, anche se non vinciamo. Non farò come altri che vincono e poi non tornano”, ha detto Salvini  “Ora vi chiedo: quanti ministri ha avuto la Sicilia? Tanti, ma cosa hanno fatto? Piuttosto – ha aggiunto il leader della Lega – è meglio non averne di ministri”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.