PoliticaPrimo Piano

Salvatore Borsellino: “Mia nipote non si presta a giochi politici”

Salvatore Borsellino (foto Internet)

Lucia Borsellino ha accettato la proposta di Rosario Crocetta e verrà nominata assessore in caso di elezione del candidato di Pd, Udc e Api.

La figlia del giudice ucciso dalla mafia il 19 luglio 1992 non è però l’unica figura della famiglia Borsellino a interpretare un ruolo in questa campagna elettorale e i diversi ruoli giocano su fronti opposti. Rita Borsellino, sorella di Paolo ed eurodeputata del Pd, sostiene Giovanna Marano candidata, dopo il ritiro di Claudio Fava, dei partiti Sel e Idv.

Su questa strana faccenda abbiamo chiesto un giudizio a un altro membro della famiglia del giudice, Salvatore Borsellino, ma il fondatore del movimento Agende Rosse ha dichiarato di non voler esprimere pareri, sia perché il movimento che guida ha come principio di occuparsi soltanto di Giustizia e di non assumere alcuna posizione in occasione delle competizioni politiche, sia perché è coinvolto un membro della sua famiglia.

Tuttavia, ha sottolineato che “Lucia Borsellino ha dichiarato di essere disponibile come assessore tecnico e non è, dunque, candidata”.

Abbiamo anche chiesto se la ricerca dell’appoggio di Lucia Borsellino non sia un’altra mossa di Rosario Crocetta, dopo la candidatura di Mariella Maggio della Cgil, direttamente mirata all’attacco del bacino elettorale della Marano.

Salvatore Borsellino ha risposto: “considerata l’integrità di mia nipote non penso si presti a giochi politici, ma vuole soltanto mettere la sua professionalità al servizio della Sicilia”.

Valentina D’Anna

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.