Economia & Lavoro

Ryanair: multa di 400 mila euro per “la tassa sulla carta di credito”

Ryanair

Numerosissimi clienti hanno fatto ricorso all’Antitrust contro la compagnia aerea Ryanair, rea di aver segnalato sul proprio sito per l’acquisto di biglietti online un prezzo vantaggioso “gonfiato” solo all’ultimo passaggio, ossia all’arrivo alla schermata di pagamento.

In pratica attirava potenziali acquirenti con prezzi bassissimi che poi lievitavano a causa di una tassa sul metodo di pagamento: la carta di credito. Questo “scherzetto” costa davvero molto caro; infatti Ryanair è stata condannata  a pagare una multa di 400 mila euro per le “scorrette modalità di rappresentazione ai consumatori del prezzo dei biglietti aerei”.

Secondo quanto riferito dall’Antitrust, la compagnia low cost è recidiva; infatti era già stata ripresa e avrebbe dovuto a partire dall’1 dicembre 2012 correggere l’errore che, invece, è rimasto lì tranquillo per ben circa tre mesi, fino al 7 febbraio 2013, quando invece la legge dice che il prezzo dei biglietti deve essere indicato integralmente sin dal primo contatto con il potenziale cliente.

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.