Sport

Rugby, tra placcaggi e birre i palermitani inseguono l’ovale

Rugny. Foto Internet

Qualcuno di voi avrà avuto modo di vedere la nazionale azzurra di rugby in tv sfidare sabato scorso i colossi All Blacks ed emozionarsi per uno sport di cui spesso non si conoscono le regole, ma che suscita un sano interesse e stima. Non è un caso che gli addetti ai lavori del calcio stiano prendendo esempio da questo sport, per cercare di migliorare il proprio. Questa disciplina, dura ma leale, insegna il rispetto dell’avversario e rafforza lo spirito di squadra. E’ stato sport olimpico e dopo una pausa di 92 anni, tornerà alle prossime Olimpiade di Rio de Janeiro del 2016 nella sua variante a 7 (il rugby seven). Inseguendo il rimbalzo della palla ovale giù per lo stivale sono arrivato fino ai campetti palermitani e lì ho scoperto un rugby nostrano più vivo che mai, che conta centinaia di praticanti di tutte le età.

In effetti il rugby non è affatto una novità a Palermo ma una realtà viva e in fermento, che vanta una storia decennale. Veicolo di sani valori sportivi, ha visto nell’arco della sua storia più compagini cittadine sfidarsi in appassionanti derby e ha dato a questo sport atleti di interesse nazionale. Una storia che affonda le sue radici negli anni ’40 e che giunge fino ai giorni nostri lasciandoci in dote due squadre seniores che si affronteranno in campionato e un’altra società che svolge attività con le formazioni juniores.

Le due società l’A.S.D. Iron Team Rugby F.C. Palermo e la Pol. Amatori Palermo rugby entrambe di recente fondazione, sono la continuazione di ciò che è stato il movimento rugbistico cittadino. La prima è nata nell’estate del 2011 grazie all’iniziativa di alcuni giocatori con l’obiettivo di espandere la base di praticanti nel territorio e unisce giocatori con esperienza e neofiti; la seconda è nata in seguito alla rinuncia della Mondello Italo Belga dello scorso agosto ed è formata in parte da ex giocatori della stessa. Entrambe sono iscritte al campionato maschile di serie C e il prossimo 16 dicembre, a distanza di circa 15 anni, giocheranno il primo dei due derby della stagione. Sarà una partita affascinante per tutti gli appassionati di rugby che assisteranno a questa sfida speciale.

Da qualche anno il rugby palermitano ha messo in piedi un movimento giovanile che vede interessate le scuole della città, e coinvolge un gran numero di ragazzi. Una mission che viene portata avanti nonostante le difficoltà (un unico campo di allenamento e per di più senza illuminazione, il Diamante di via dell’Olimpo). Il progetto promosso dal Palermo Rugby Club affiancato dall’Iron Team, prevede la formazione dei giovani finalizzata alla partecipazioni dei campionati giovanili under 10, 12, 14 e 16. Inoltre da quest’anno l’Iron Team R.F.C. promuove anche il progetto “Iron Ladies”, la prima squadra di rugby femminile, che progressivamente sta incrementando le adesioni. In atto la formazione maschile si allena tre volte a settimana presso il campo Malvagno che si trova all’interno del Parco della Favorita e gioca le partite casalinghe, così come l’Amatori Palermo, la domenica presso il Velodromo “Paolo Borsellino”.

Tutti, senza distinzione di taglia e sesso possono avvicinarsi a questo sport tra i 17 e i 42 anni (limite imposto dalla F.I.R. la Federazione Italiana Rugby) per quanto riguarda i senior e dai 9 ai 16 per gli under. Il rugby, è doveroso menzionarlo, prevede anche il tradizionale terzo tempo, durante il quale i padroni di casa offrono un banchetto agli avversari, indipendente dal risultato finale lasciando in campo ogni disaccordo. La disputa fra le due squadre viene ufficiosamente chiusa davanti a un paio di birre. Praticamente un’utopia in tutti gli altri sport. L’augurio è che il rugby a Palermo possa diventare ancor di più una bella realtà e aumentare i suoi praticanti augurandosi di conquistare la giusta collocazione nel panorama nazionale.

Roberto Cammarata

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

  1. Hi there! I understand this is sort of off-topic
    however I had to ask. Does building a well-established blog like yours take a lot of work?
    I am completely new to blogging however I do write in my journal every day.
    I’d like to start a blog so I will be able to
    share my personal experience and feelings online. Please let me know if
    you have any kind of suggestions or tips for brand new
    aspiring bloggers. Appreciate it!

    Feel free to visit my blog; silicon valley luxury homes

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.