CulturaPrimo Piano

“Riscattati”, il concorso fotografico sul disagio umano

Il Gruppo in formazione Palermo E ha prolungato la scadenza del concorso fotografico “Riscattati” al 7 aprile. Tutti gli appassionati di fotografia hanno l’opportunità di mettersi in gioco immortalando immagini di riscatto da condizioni disagiate, inerenti alle tematiche del concorso quali: violenza sulle donne, rom e migrazione.

La violenza domestica è un crimine che in Italia non viene denunciato in oltre il 90 per cento dei casi. A infliggerla sono gli uomini di casa, mariti, compagni, fidanzati, padri e a esserne vittime sono sempre le donne.  Il riscatto può essere inteso come un “gesto”, una “azione” o un “comportamento” che permette di vincere condizioni di sofferenza sociale.

Amnesty International crede che l’accesso a un alloggio adeguato e ai diritti umani è essenziale per l’inclusione sociale della comunità rom. Per questo motivo gli sgomberi forzati vanno fermati e proibiti per legge. La finalità è quella di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle tematiche sopra citate e promuovere l’azione di Amnesty International.

“La fotografia – ha dichiarato Emanuele Maria Marino Responsabile del Gruppo in formazione Palermo E –  è il migliore strumento per scuotere le coscienze umane e per promuovere l’uguaglianza e la solidarietà interculturale”.

Far mancare adeguata protezione ai lavoratori migranti e ai rifugiati non favorisce la legalità. Piuttosto, sono necessarie regole sull’immigrazione e sull’asilo eque e rispettose degli esseri umani.

Per maggiori informazioni sulle modalità di partecipazione è possibile consultare il sito www.amnestysicilia.it/wordpress/concorso-fotografico-riscattati/

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.