Primo Piano

“Ricordati che devi rispondere. L’italia e i diritti umani”

Parte da Agrigento la campagna siciliana di Amnesty International

Presentata oggi, giovedì 7 febbraio, alle ore 11:00, in Via Atenea n. 123, nei locali del Circolo Culturale Pierpaolo Pasolini di Agrigento, la campagna siciliana di Amnesty International: “AGENDA IN 10 PUNTI PER I DIRITTI UMANI IN ITALIA DI AMNESTY INTERNATIONAL”.

A presentare l’iniziativa sarà il Prof. Alberto Todaro del gruppo 283 di Agrigento, portavoce di “Ricordati che devi rispondere” per la Sicilia.

La campagna ha lo scopo di sottoporre l’Agenda per i diritti umani in Italia all’attenzione dei candidati alle elezioni politiche.

I “10 punti per i diritti umani”, individuati da Amnesty International, saranno presentati dalla Sezione Italiana a tutti i “leaders politici candidati premier”, mentre in ogni regione sarà chiesto un preciso impegno a “tutti i candidati alle elezioni politiche”.

“L’Italia è purtroppo un paese in cui ampie fasce di popolazione corrono un alto rischio di violazioni dei diritti umani.

Nonostante i richiami dei comitati internazionali di monitoraggio e le richieste della società civile, le falle del sistema e scelte politiche fuori luogo hanno prodotto in questi anni violazioni, ingiustizie, sofferenza e disgregazione sociale.

Essere donne, partecipare a una manifestazione, essere migranti, rom, gay, detenuti significa in Italia correre un serio rischio per i propri diritti umani.
In tempi di crisi economica, questa situazione tende ad aggravarsi.”

Amnesty International sottopone ai leader delle coalizioni e delle forze politiche, e a tutti i candidati e le candidate, una lista di richieste articolate in 10 punti prioritari, lanciando la campagna “Ricordati che evi rispondere. L’Italia e i diritti umani”, chiedendo a chi si propone per la guida del paese di esprimersi chiaramente su ogni punto, prendendo una posizione netta a riguardo, davanti all’elettorato.

Comunicato stampa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.