PoliticaPrimo Piano

RESET, 400 MILA EURO L’ANNO DI CONSULENZE ESTERNE: RAZIONALIZZARE LE SPESE PER GARANTIRE SERVIZI EFFICIENTI

L’imperativo dovrebbe essere “contenere e ottimizzare le spese per offrire servizi efficienti alla città”. Oggi la Terza commissione ha incontrato il presidente della Reset, la società che sostanzialmente è subentrata alla Gesip nei servizi di pulizia degli immobili comunali e non solo. Dall’analisi di alcuni documenti contabili, che tuttavia non sono stati trasmessi dall’Amministrazione in modo tale da garantire al Consiglio lo svolgimento del controllo analogo, emergono alcune criticità che sostanzialmente caratterizzano un po’ la gestione delle partecipate comunali.

In primo luogo la Reset, che ha un contratto di servizio da 29 milioni di euro e una dotazione di 1.690 dipendenti, affida ogni anno consulenze esterne per circa 400 mila euro, a mio avviso in contrasto con i divieti sanciti dal Consiglio in materia e con i parametri cui gli enti e le società partecipate devono sottostare. Le consulenze, tra l’altro, sono affidate senza gare di evidenza pubblica e in assenza dell’obbligatorio regolamento. Motivi per i quali mi riservo di acquisire la relativa documentazione da trasmettere alla Corte dei conti che, tra l’altro, in una nota dell’ottobre 2015 ha censurato i rendiconti per gli anni 2012, 2013 e 2014 del Comune proprio in relazione ai bilanci delle partecipate.

Anche la Reset procede con il nolo dei mezzi e l’esternalizzazione dei servizi informatici (pur avendo tra le consociate la Sispi), oltre ad appaltare la gestione delle buste paga e avvalersi perlopiù di ditte esterne per le manutenzioni e le riparazioni. Per cui ancora una volta, a mio avviso, sarebbe opportuna una politica di maggiore contenimento dei costi, anche a vantaggio degli stessi lavoratori che al momento svolgono 29 ore settimanali (prestazione inferiore rispetto agli standard minimi di 32 ore)

Se è vero l’impegno di questa società rivolto a garantire i servizi di pulizia dei beni e nonostante il numero di dipendenti, ci sono parti della città, soprattutto nelle zone periferiche, che mantengono la loro condizione di degrado e necessiterebbero di interventi più efficienti. Sarebbero auspicabili in tal senso una maggiore sinergia e azioni coordinate con le altre partecipate e con la stessa Amministrazione.

Tags
Moltra altro

Panasci

Giornalista editore e musicista. Da 20 anni anche produttore

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.