PoliticaPrimo Piano

Regione. Ncd apre a Crocetta. M5s: un altro inciucio

Ormai è ufficiale: il partito di Alfano entra nella maggioranza. Per Ciaccio «il primo frutto dello scambio sarà la commissione Bilancio a Vinciullo», mentre secondo Cancelleri i simpatizzanti del Pd «non potranno sopportare tutto questo» Il modello romano prende piede anche in Sicilia. L’ingresso di Ncd nella maggioranza all’Ars che sostiene il governo Crocetta è, ormai, cosa fatta. Già nelle prossime ore, infatti, l’accordo sarà ufficiale e ci dovrebbe essere un primo incontro a Palermo tra i leader regionali dei due partiti.

Se per la maggioranza si tratta di una nuova alleanza, c’è già chi ha definito l’accordo “un vergognoso inciucio”. È il caso del Movimento 5 Stelle che “legge” la notizia dell’apertura di Ncd al governo come l’ennesimo episodio di «una eterna farsa in cui è soprattutto il Pd a rimetterci gli ultimi brandelli di credibilità e i siciliani le penne».

«Mentre la Sicilia affoga nei debiti e senza alcuna prospettiva all’orizzonte – dice il capogruppo grillino Giorgio Ciaccio -, il governo continua a cercare puntelli per continuare a vivacchiare anziché cercare di risolvere i problemi delle aziende, dei lavoratori e dei giovani. Ora ci sarà da vedere le contropartite che arriveranno ad Ncd, anche se se ne intravede chiaramente una: la commissione Bilancio a Vinciullo. Vedremo in seguito cosa fiorirà nei posti di sottogoverno».

Alle parole del capogruppo, seguono quelle di Giancarlo Cancelleri: «Quello che ci chiediamo è come possano gli elettori del Pd continuare a sopportare cose del genere. A tutto c’è un limite e questo partito li ha nettamente superati tutti. Crocetta sta dimostrando che pur di restare a galla venderebbe l’anima al diavolo. La cosa terribile è che mentre lui galleggia la Sicilia affo

Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.