Primo Piano

Regione. Fava: “Miscellanea di interventi che rischiano di disperdere in mille rivoli pochi spiccioli”

Il candidato Claudio Fava

(di redazione) Claudio Fava, deputato regionale del movimento I cento passi, ha dichiarato: “Da oggi l’ Ars dovrebbe cominciare l’esame del collegato alla finanziaria regionale esitato dalla V commissione: una quarantina di articoli di varia natura con una miscellanea di provvedimenti a volte di buon senso, a volte indifferibili ma spesso del tutto privi di qualsiasi logica e visione strategica.

Ben vengano infatti le norme a sostegno dei teatri e delle manifestazioni culturali di eccellenza in Sicilia o quelle a sostegno dei lavoratori di Almaviva, ma fra questi vi è una lunga serie di micro interventi da poche decine di migliaia di euro a favore di questo o di quel Comune forte di sponsorizzazione parlamentare. Ovviamente ogni misura di sostegno al patrimonio storico, culturale ed ambientale della Sicilia non può che essere ben accetta, ma senza una visione strategica sono provvedimenti che serviranno a ben poco.

Valuteremo caso per caso e articolo per articolo, provando a correggere alcune storture e provando ad inserire delle misure di carattere più generale e meno particolare. Per questo sono stati presentati alcuni emendamenti che riguardano una programmazione più ad ampio respiro, l’estensione ai docenti non di ruolo delle opportunità per i percorsi di formazione, interventi per la riqualificazione del personale dei call center, risorse per i Comuni in condizione di dissesto per la tutela dei Beni Culturali, maggiori garanzie di assistenza per gli studenti con disabilità, l’abrogazione di alcune norme che rischiano soltanto di disperdere in mille rivoli le scarse risorse della Regione.

Resta inevaso il grande tema di una mancanza di prospettiva e programmazione delle poche risorse esistenti e di un continuo assalto ai pochi spiccioli disponibili. Un riordino di alcuni settori non può più essere rinviato, ad esempio per quel che concerne i giusti finanziamenti alle associazioni sociali e ai centri culturali che si occupano di antimafia e cultura della legalità e sul quale abbiamo già presentato un ddl apposito.”

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.