PoliticaPrimo Piano

Regionali, Palermo: 19 liste in campo tra volti noti e outsider

Le elezioni regionali si svolgeranno domenica 28 ottobre

Sono 19, salvo clamorose esclusioni della Corte d’Appello, le liste che competeranno per i 20 seggi del collegio di Palermo (le abbiamo pubblicate qui). Quasi tutti gli uscenti molti volti noti e qualche outsider della politica tra gli aspiranti deputati. Le donne, tutelate dalle cosiddette quote rosa, sembrano però spesso ridotte al grado di ‘riempi lista’.

La lista del Partito Democratico è aperta dal quartetto dei deputati regionali uscenti: Giuseppe Lupo, Antonello Cracolici, Pino Apprendi e il renziano Davide Faraone. In lista anche Fabrizio Ferrandelli espressione del movimento ‘Ora’ su cui dovrebbero convergere anche i voti dei socialisti palermitani e l’avvocato Francesco Riggio che dovrebbe raccogliere l’eredità elettorale di Gaspare Vitrano.

Lista competitiva per l’Udc: sarebbero 11 i candidati in grado di giocarsi la partita per entrare a Sala d’Ercole. Tra questi i deputati uscenti Totò Lentini, Nino Dina e Alberto Campagna, l’ex deputato regionale Armando Aulicino, il sindacalista Pietro La Torre, Toni Costumati delle Acli, il capogruppo dello scudocrociato a Sala delle Lapidi Giulio Cusumano mentre dall’esperienza del Consiglio provinciale arrivano il sindaco di Prizzi Luigi Vallone, Tommaso Gargano e Vincenzo Briganò. In lista anche la giornalista Ileana Panama.

La lista Crocetta sarà guidata dal candidato Presidente seguito dall’ex questore Antonio Malafarina, dal consigliere comunale Pino Faraone che abbandona così Marianna Caronia, dal socialista Nino Oddo, da Fabio Virdi molto vicino all’ex sindaco di Ragusa Nello Dipasquale e dal portavoce del movimento ‘Più’ Giuseppe Valenti.

Anche se il candidato presidente è Giovanna Marano la lista unitaria di Sel, Fds e Verdi porta ancora il nome di Claudio Fava e schiera l’attore Ninni Bruschetta, il segretario regionale di Rifondazione Comunista Antonio Marotta, il coordinatore regionale di Sel Erasmo Palazzotto e l’ex consigliere comunale del Pd Ninni Terminelli.

Nella lista di Italia dei Valori sono in prima fila i fedelissimi di Leoluca Orlando Pippo Russo e Maurizio Caruso. C’è posto però anche per il provveditore agli studi Rosario Leone e per il nume tutelare della Gesip Salvo Barone. Tra i dipietristi spunta anche un democristiano di lungo corso come l’ex deputato regionale Sergio Mulè.

Gianfranco Miccichè guiderà la lista di Grande Sud, con lui il deputato regionale uscente Riccardo Savona fresco di passaggio dall’Mps. Non sfugge agli osservatori attenti la ricandidatura di Franco Mineo fresco di un nuovo avviso di garanzia. In lista anche il consigliere comunale Edy Tamajo, Pietro Vazzana, il fedelissimo di Miccichè Eusebio Dalì, l’ex consigliere comunale Gerlando Inzerillo e la giovanissima consigliera di circoscrizione Valentina Cassataro.

Il Partito dei Siciliani-Mpa sarà guidato dall’ex pupillo di Francesco Musotto e attuale assessore regionale Nicola Vernuccio. Tra i lombardiani tenteranno di tornare all’Ars Mario Parlavecchio e Giovanni Greco. In lista anche i consiglieri comunali Mimmo Russo e Vincenzo Figuccia, l’ex deputato regionale Tony Rizzotto e l’ex consigliera comunale Stefania Munafò.

Lista composita quella di Fli-Nuovo Polo per la Sicilia. In cima alla lista c’è il deputato nazionale dell’Mpa Sandro Oliveri seguito dall’assessore regionale di Fli Alessandrò Aricò. Con loro l’ex consigliere comunale Filippo Fraccone e il consigliere comunale di Carini Maria Rita Picone.

Le prime tre posizioni del Pdl sono occupate dai deputati regionali uscenti: l’ex Presidente dell’Ars Francesco Cascio, Salvino Caputo e Francesco Scoma che però si è munito di paracadute trovando posto nel listino regionale di Nello Musumeci. Proveranno ad insidiare il primato degli uscenti il dimissionario vice presidente della Provincia di Palermo Pietro Alongi, l’ex assessore provinciale Giuseppe Di Maggio e l’ex deputato regionale Dario Falzone. In corsa anche il consigliere comunale vicino all’ex sindaco di Palermo Diego Cammarata Giuseppe Milazzo.

La lista Musumeci sarà guidata dal segretario provinciale de la Destra Filippo Cangemi, seguito da Bartolo Sammartino che già alle scorse regionale aveva provato la scalata all’Ars nelle liste del Pdl. Con loro Nicolò Gambino titolare del noto centro di formazione professionale ‘In.Form.House’ e l’avvocato Flavia Odoroso rappresentante del cosiddetto ‘partito dei preti’ di Padre Lupo.

Il Cantiere Popolare di Saverio Romano punta tutto sugli uscenti Toto Cordaro e Marianna Caraonia. C’è pure la senatrice Maria Pia Castiglione che però è originaria della provincia di Trapani e che insieme alla Caronia ha trovato un posto nel listino regionale. Porteranno il loro contributo alla lista anche i consiglieri comunali di Palermo Roberto Clemente e Felice Bruscia.

E poi ci sono gli outsider delle liste minori che proveranno a contendere il primato ai partiti più grossi. I grillini saranno guidato dal loro candidato Presidente Giancarlo Cancelleri, così come la lista ‘Rivoluzione Siciliana’ che sarà capeggiata da Cateno De Luca. Per i Forconi c’è il docente di Storia Medievale Corrado Mirto, mentre LeAli alla Sicilia punta sul segretario provinciale del Pri Calogero Colletto, mentre la lista a sostegno di Gaspare Sturzo si affida a Massimo Maniscalco presidende dell’Ucid (Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti).

Adriano Frinchi

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

4 commenti

  1. Giuseppe comprendo la tua amarezza, in questo periodo di crisi non c’è cosa peggiore di rischiare di perdere il posto di lavoro o di perderlo definitivamente, ma mi auguro di no. Ma mi permetto di suggerirti che non votando nessuno non si conclude nulla. Noi cittadini inermi davanti a questi politici e burocrati abbiamo solo la forza del voto, se non lo usiamo facciamo il loro gioco.

  2. Avviso per tutti i politici candidati alle prossime elezioni regionali in Sicilia,non vi presentate davanti ai miei occhi perchè non voterò per nessuno essendo da lunedi’ 1 ottobre un nuovo disoccupato insieme ai miei altri 68 colleghi che da oltre 20 anni lavoriamo al Policlinico di Palermo!!!Ci siamo intesi???

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.