Politica

Comizi di piazza, Ferrandelli: “Il Comune adotta due pesi e due misure”

Fabrizio Ferrandelli. Foto Internet

“Apprendo dai siti web che la chiusura della campagna elettorale di Giovanna Marano si terrà in Piazza Verdi, a Palermo. Piazza che però è stata negata agli altri candidati per scopi elettorali. È curioso – dichiara Fabrizio Ferrandelli, candidato all’Assemblea regionale – come, a Palermo, l’Amministrazione comunale usi pesi e misure diverse a seconda dei candidati.

Nelle scorse settimane – continua Ferrandelli – ci è stata persino revocata l’autorizzazione per l’installazione di gazebo e punti informativi in diverse piazze della città. Un’amministrazione comunale dovrebbe di fatto essere super partes e permettere a ciascun candidato di svolgere serenamente la propria campagna elettorale, garantendo pari opportunità.

Ci auguriamo che si tratti solo di un’errata interpretazione della delibera del Comune di Palermo che vieta l’uso di talune piazze, tra cui Piazza Verdi, per scopi elettorali. Se non fosse così ci troveremmo davanti ad un episodio di ingiustizia sociale.

Concedere, infatti, ad alcuni possibilità che ad altri vengono negate è a dir poco spiacevole. Questa Amministrazione, nel rispetto dei diritti di tutti, dovrebbe decidere una volta per tutte quale è la regola e fare in modo che questa venga rispettata, sempre”.

Ecco la replica dell’ufficio stampa del Comune:

“Con riferimento alle polemiche del Sig. Ferrandelli sull’utilizzo di piazza Verdi da parte del candidato Marano, spiace notare che lo stesso Ferrandelli non ha ritenuto utile informarsi in anticipo con i suoi rappresentanti di partito che partecipano alle riunioni indette dal Signor Prefetto.

Se il sig. Ferrandelli si fosse informato con i suoi rappresentanti, avrebbe saputo che l’utilizzo delle Piazze per i comizi è stato concesso, in deroga all’ordinanza sindacale sul decoro urbano, su richiesta di tutti i partiti e in accordo col Prefetto.

Avrebbe anche saputo che tale deroga è stata decisa nel corso di una riunione il cui verbale è stato sottoscritto anche dai rappresentanti del PD, ormai tre settimane fa.

Un solo candidato, segnatamente l’onorevole Musumeci, che aveva chiesto la piazza prima della deroga ha avuto opposto un diniego ed ha ritenuto di poter spostare altrove la propria iniziativa”.

COMUNICATO STAMPA

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti Potrebbe Interessare:

Close