CronacaPrimo Piano

Rainbow Warrior di Greenpeace a Palermo per dire no a trivellazioni

La Rainbow Warrior, la nave di Greenpeace impegnata nel tour italiano “Non è un Paese per fossili”, arriva a Palermo per dire no alle trivellazioni nel canale di Sicilia.

Oggi più che mai l’oro blu della Sicilia, il suo mare, è sotto assedio: nuovi progetti di trivellazione sono stati appena approvati dal Ministero dell’Ambiente e altri sono in via di valutazione. È necessario intervenire subito per fermarli.

Se ne discuterà durante l’iniziativa che si terrà sabato 5 luglio 2014 alle ore 10.30 sulla nave di Greenpeace Rainbow Warrior, nel porto commerciale di Palermo. Interverranno: Alessandro Giannì, direttore delle Campagne di Greenpeace Italia, Leoluca Orlando, primo cittadino di Palermo, diversi sindaci e rappresentanti di associazioni del settore della pesca e del turismo che due anni fa hanno già aderito alla campagna di Greenpeace “U mari nun si spirtusa”. Presenti anche alcuni comitati locali contrari alle trivellazioni in mare.

Durante l’evento, Greenpeace – insieme alle associazioni locali e di settore – denuncerà le evidenti carenze della Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA) approvata solo pochi giorni fa per autorizzare dannosi progetti di trivellazione al largo di Licata. Annuncerà inoltre l’avvio di un ricorso al TAR contro questi progetti, chiedendo alle autorità intervenute di entrare concretamente in azione appoggiando tale provvedimento legale.

Solo due anni fa, nell’ambito di “U mari nun si spirtusa”, ben 49 sindaci siciliani e quasi 60 mila persone hanno firmato un appello per opporsi a questo tipo di operazioni e salvaguardare il Canale di Sicilia. Ora gli appelli non bastano più: è ora di difendere con i fatti il nostro mare e le nostre coste.

Greenpeace, in occasione del tour della Rainbow Warrior “Non è un Paese per fossili”, ha lanciato una petizione online per chiedere ai cittadini di firmare una Dichiarazione di Indipendenza dalle fonti fossili, in favore di energie rinnovabili ed efficienza. In pochi giorni ha già raccolto oltre 31 mila firme.

La Rainbow Warrior resterà a Palermo sino a domenica 6 luglio. Sabato 5 (dalle 14 alle 20) e domenica 6 (dalle 10 alle 20) chiunque lo desideri potrà salire a bordo e effettuare visite guidate gratuite della nave.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.