Sport

Qualificazioni Mondiali 2014: Armenia – Italia, probabili formazioni

Cesare Prandelli ( foto da internet)

L’Italia di Cesare Prandelli affronterà stasera il primo dei due impegni ravvicinati di qualificazione ai Mondiali brasiliani del 2014, contro l’Armenia. Nell’ultimo allenamento, prima della partenza alla volta di Yerevan, il c.t. ha provato in partitella quella che con ogni probabilità sarà la formazione titolare al Hrazdan Stadium.

Il tecnico ha deciso di abbandonare la difesa a 3 di Sofia, e passare al più rodato e collaudato 4-3-1-2, che tanto bene ci ha portato agli ultimi europei in Polonia e Ucraina. Sono pochi i dubbi del c.t.: tra i pali Buffon è sicuro del posto da titolare, con Maggio sulla destra e la coppia centrale tutta bianconera BonucciBarzagli, mentre qualche dubbio rimane sull’out di sinistra, dove al momento Criscito è in vantaggio su Chiellini, che dovrebbe andare in panchina. In mezzo al campo confermatissimo il trio PirloDe RossiMarchisio, con Montolivo vertice alto dietro le due punte. In attacco non giocherà Balotelli, colpito da un forte attacco influenzale. Al suo posto Giovinco, che farà coppia con Osvaldo.

Intanto, in sala stampa, Prandelli ha risposto piccato alle polemiche su Ranocchia, coinvolto nel caso calcio scommesse, e sul presunto trattamento di favore ai calciatori juventini: “Ci sono altri giocatori coinvolti in questa vicenda, ma non possiamo condannarli prima della giustizia”. – ha detto il commissario tecnico.  “Favori ai giocatori della Juventus? La gente inventa situazioni che non esistono e che fanno male al calcio”.

Prandelli ha poi parlato del match con l’Armenia: “Mi aspetto una squadra che sappia di starsi giocando tanto. Queste sono partite che possono cambiare il nostro cammino. La Bulgaria – ha proseguito – ci ha insegnato che non esistono gare semplici”.
Qualche parola anche per Balotelli: “Nonostante l’influenza l’ho visto bene, ho avuto le risposte che cercavo. Si è allenato con concentrazione e so di poter avere fiducia in lui”.

L’Armenia non è un avversario da sottovalutare: nelle prime due partite del girone ha ottenuto tre punti, battendo Malta 1-0 e perdendo di misura, con lo stesso punteggio, contro la Bulgaria. Il c.t. armeno Vardan Minasyan, in conferenza stampa, ha giudicato l’importanza della gara, non solo dal punto di vista sportivo: “Se battiamo l’Italia domani sarà festa nazionale – ha detto – perché il calcio, lo sport, è l’orgoglio di questo Paese”.

Parlando degli azzurri ha elogiato Cesare Prandelli per aver “estirpato” il catenaccio e dato all’Italia “una fisionomia, una flessibilità che la rendono una squadra vera”. Minasyan ha anche individuato quelli che sono i punti di forza degli azzurri: “Pirlo, De Rossi e Buffon sono tre grandissimi campioni, attorno ai quali stanno crescendo dei giovani importanti. Ma senza dubbio il loro uomo più importante è Pirlo, quindi nella sua zona dovremo essere più aggressivi”. A proposito di aggressività, il tecnico armeno ha incoraggiato i suoi: “Siamo stati criticati di essere troppo difensivi. Contro l’Italia allora attaccheremo”.

Non una trasferta facile, quindi, per la Nazionale, chiamata a rimanere concentrata per evitare brutte sorprese.

Italia (4-3-1-2): Buffon; Maggio, Barzagli, Bonucci, Criscito; Pirlo, Marchisio, De Rossi; Montolivo; Giovinco, Osvaldo. All: Cesare Prandelli.

 

Paolo Guagliardito

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.