Primo Piano

Pullara: “Autonomia Regionale Differenziata, il Sud non diventi terra di conquista dei coloni del Nord”

Pullara

(riceviamo e pubblichiamo integralmente) L’on. Carmelo Pullara, presidente del gruppo parlamentare Popolari e Autonomisti Idea Sicilia all’Assemblea Regionale Siciliana:

“Il futuro dibattito sull“Autonomia Regionale Differenziata” deve poggiare su due concetti equi sull’intero territorio nazionale, sanità e pubblica istruzione, capisaldi costituzionali su cui qualsivoglia modello di riordino delle autonomie deve sposare.

Ricordo inoltre che la Sicilia, già autonoma per “statuto negato”, ha pagato sin troppo negli ultimi anni le politiche economiche scellerate dello Stato a fronte di funzioni pienamente svolte dal 1947. Il crisma pattizio dello statuto siciliano, infatti, impone un’attenta riflessione e soprattutto rispetto dei dettati costituzionali.

Tale allarme, già lanciato da altre Regioni del Sud, deve essere ascoltato con attenzione, in particolare sui processi di trasferimento delle funzioni in assenza di un quadro regolamentare economico che individui pienamente il
soddisfacimento degli obiettivi di finanza pubblica.

In particolare, se venisse attuato anche solo in parte il progetto presentato dalla Regione Veneto, come quello di trattenere sul territorio il 90% delle tasse, si arriverebbe nel giro di pochi anni a distribuire una maggiore quantità di risorse pubbliche ai cittadini bdel Nord rispetto a quelli che risiedono al Sud, soprattutto in Sicilia, anche su materie per le quali la Costituzione prevede un trattamento “uguale per tutti” come l’istruzione e la sanità.

Questo è il risultato della Lega al governo, un’azione barbara, tesa all’impoverimento del Sud, visto sempre più oggi come una colonia di voti e domani di interessi economici non chiari.

L’Autonomia che ci rappresenta non può cedere il passo ai coloni, abbiamo l’obbligo di porre le barricate a provvedimenti di questo tipo. Sembra il periodo nel quale gettando fumo negli occhi (reddito di cittadinanza e quota 100 ndr) dei cittadini, i potenti al governo possano procedere in qualsivoglia azione senza che nessuno possa dire nulla”.

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.