CronacaPrimo Piano

Processo Scazzi: la difesa chiede nuovo sopralluogo in garage

Processo Scazzi, foto internet

Si è conclusa pochi minuti fa al Tribunale di Taranto la 34° udienza del processo per l’omicidio di Sarah Scazzi. Dopo aver ascoltato i principali testimoni e imputati di questo caso, oggi davanti alla Corte d’Assise sono stati gli avvocati a parlare. Il 15 ottobre del 2010 fu fatto un sopralluogo nella casa di via Deledda e nel garage, Michele Misseri ha sempre dichiarato che in quella circostanza non era in condizioni fisiche adeguate e di essere stato sotto l’effetto di tranquillanti.

Proprio per questo motivo oggi l’avvocato Nicola Marseglia, per conto della difesa di Sabrina Misseri, ha chiesto come integrazione dei mezzi di prova nel processo per l’uccisione di Sarah Scazzi, un secondo sopralluogo da parte della Corte d’Assise, con Michele Misseri, nel garage della villa di via Deledda, dove sarebbe stata uccisa la ragazzina. Misseri ha chiesto numerose volte di poter far visitare nuovamente il garage alla Corte e di poter mostrare realmente come sono andati i fatti e come lui avrebbe ucciso Sarah. Ma le novità non sono finite qui,  la difesa di Sabrina ha chiesto l’integrazione dell’esame testimoniale di Alessio Pisello, amico comune di Sarah e Sabrina, su “sopraggiunti interessi affettivi di Ivano Russo nei confronti di altre ragazze” e l‘esame di Michele D’Ippolito, titolare del pub-birreria in cui sarebbe avvenuto un litigio tra Sarah e Sabrina il 25 agosto 2010, giorno prima dell’omicidio.

Alla richiesta si è associata anche la difesa di Cosima Serrano, madre di Sabrina, detenuta insieme a lei, con le stesse accuse. Inoltre l’avvocato Lorenzo Bullo, difensore di Carmine Misseri, fratello di Michele e imputato di concorso in soppressione di cadavere, ha chiesto un sopralluogo nella zona del pozzo in contrada Mosca dove venne sepolta la vittima e nella zona dell’albero di fico. Infine, la difesa di Cosimo Cosma ha chiesto una valutazione scientifica sulle conclusioni della perizia autoptica del medico legale Luigi Strada.

Ovviamente non ci sono state oggi risposte a tutte queste richieste e la Corte d’Assise si è riservata la decisione su tutte le istanze. Il processo è stato aggiornato all’8 gennaio quando, oltre a decide su tutte queste richieste, sarà ascoltata un’intercettazione ambientale del 31 dicembre 2010 e si procederà all’esame di due testimoni.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.