Cronaca

Presepe choc a Carrara: Gesù bambino è uno scheletro

Gesù bambino scheletrico, foto internet

Ieri 9 dicembre 2012 a Carrara, in Piazza Duomo, è stata allestita una tenda con all’interno un presepe – installazione suggestiva e senza dubbio per nulla tradizionale. Gli organizzatori Romeo Buffoni, Robo, Federica Malatesta hanno proposto un presepe con al centro un bambinello Gesù scheletrito e sofferente in resina bianca. Gli altri componenti del presepe Maria, Giuseppe, bue ed asinello vengono rappresentati con dei bidoni di metallo.

Tutto ciò sarebbe stato ispirato e dedicato alla scomparsa della trentunenne ucraina Olga Komut, travata morta all’ottavo mese di gravidanza nel mese di febbraio di quest’anno. La donna viveva di stenti in una tenda vicino i binari della stazione di Avenza. Questo caso scosse la città.

Il presepe quindi racconta una storia di sofferenza; il bambinello è posto su un pagliericcio, lo spazio buio ed opprimente è pieno di immagini di guerra e di fame nel mondo. «Questo Bambino – spiega l’autrice Malatesta – è stato realizzato da una foto: ne ho scorse molte, fino a che ho trovato quella di un bambino siriano: mi è sembrata adatta anche perché la guerra civile che sta sconvolgendo quel Paese è frutto di egoistici meccanismi occidentali».

Nella tenda inoltre scorrono note di canti natalizi e in contrapposizione suoni di dichiarazioni di guerra, spari di mitragliatrici, scoppi di bombe. Questo è un gesto che fa riflettere. Gli organizzatori hanno voluto sottolineare le sofferenze che affliggono gran parte delle persone al mondo proprio nel momento del Natale in cui si è “buoni”.

Il parroco del Duomo don Raffaello Piagentini parla di un presepe ancor più realistico rispetto agli altri e di un bambinello che ricorda Gesù che continua a soffrire attraverso la sofferenza di molti. Il parroco ha benedetto l’installazione sperando che si possa riflettere e aiutare gli altri. Una installazione quindi che lascia sensazioni forti. Un gesto tanto forte quanto ancor più vicino alla realtà.

Alessandro Quartararo

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.