PoliticaPrimo Piano

Poltrona ti amo/3 – Pier Ferdinando Casini e Francesco Colucci

Foto ©Daniele Del Castillo/Lapresse

Nella terza puntata dell’inchiesta su chi sono e cosa fanno i più longevi “poltronari” della nostra democrazia in Parlamento, concludiamo la classifica dei superveterani abbinando ancora una volta un nome notissimo ad uno sconosciuto o quasi.

La prima etichetta è tutta per Pier Ferdinando Casini, bolognese di 57 anni, attuale presidente dell’Unione di Centro ed ex Presidente della Camera dal 2001 al 2006, con Silvio Berlusconi a Palazzo Chigi. Casini ha avuto una carriera lampo, da “bimbo prodigio”. Laureatosi nel ’79, l’anno dopo è consigliere comunale nella sua città e a 28 anni entra in Parlamento, per tre legislature con la Dc, poi col Centro Cristiano Democratico e infine, dalla XIV legislatura ad oggi, con l’Unione dei Democratici Cristiani e di Centro. Dal 2002, quando l’emiliano fondò l’Udc, è iniziato un graduale scollamento dalla Casa delle Libertà (divenuta poi Partito della Libertà), tanto che ad oggi è in ballo per il partito cattolico un discorso d’alleanza col Partito Democratico. In ogni caso, le scelte dell’Udc sono spesso contrastanti: non è un caso che negli ultimi anni, alle elezioni amministrative, in alcuni comuni si sia schierato con il centrosinistra e in altri col centrodestra.

Pier Ferdinando Casini, che in aula ha il 58% di presenze, solo nell’ultimo anno ha presentato come primo firmatario tre disegni di legge riguardanti l’assegnazione di finanziamenti ai partiti e movimenti politici: il 14 febbraio “(…) disposizioni per la democrazia interna e la trasparenza della gestione finanziaria dei partiti politici”, il 19 aprile “Norme in materia di riduzione di contributi pubblici in favore dei partiti e dei movimenti politici”, il 28 maggio “Riduzione del rimborso elettorale per movimenti e partiti politici”, unico dei tre disegni trasformato definitivamente in legge.

Pier Ferdinando Casini durante la sua carriera ha avuto anche qualche bega personale. Dal 1998, dopo essersi separato da Roberta Lubich, figlia di un celebre cardiologo, inizia una relazione con Azzurra Caltagirone, figlia dell’ancor più celebre costruttore romano Francesco Gaetano Caltagirone, editore di varie testate tra le quali spicca Il Messaggero. Si sposano nel 2007 con rito civile e questo scatena molte polemiche, anche interne al suo partito, vista la pubblica critica che lo stesso leader cattolico aveva mosso alle coppie di fatto. Ben più gravi le vicende che lo hanno visto toccato, ma non indagato, dall’inchiesta partita nel 2011 riguardo 200 mila euro che l’Enav avrebbe dato all’Udc, in contanti, negli uffici del partito al centro di Roma. Una tangente, in poche parole, vista la quantità di denaro che l’Enav smuove, senza appalti, per lavori di vario tipo quali ad esempio la costruzione di radar. Casini, cinque anni fa, è stato anche messo sotto i riflettori da L’Espresso, per aver acquistato – e come lui altri politici, sindacalisti e giornalisti – mega appartamenti e palazzine intere in zone “bene” della capitale a prezzi di favore.

Francesco Colucci, che di anni ne ha ben 80 ed è deputato da otto legislature, negli ultimi anni non sta facendo parlare molto di sé e per sapere qualcosa di interessante sul suo conto, bisogna andare indietro di 19 anni, nell’era di Tangentopoli. Brindisino, ex socialista, attualmente milita – se così si può dire – nelle fila del Pdl. Nel 1993 venne raggiunto da avviso di garanzia per aver chiesto 400 milioni di lire ad un imprenditore in cambio di una “parolina” buona sulla sua dichiarazione dei redditi. È ancora libero tra noi, vive ma non lotta: solo 4 disegni di legge da primo firmatario nell’ultima legislatura, col più recente datato 2010.  (Continua…)

Valerio Valeri

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

  1. Casini credo si commenti da solo. Evanescente.
    Un politico di facciata, molto “polite”, appunto, di quella gradevolezza priva di sostanza.

    Dei suoi trascorsi familiari sapevo. Della sua carriera no.
    Mi interessano i primi. Come diceva Platone: chi custodirà i custodi?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.