Politica

“Piano Urbano del Traffico -si creino nuove corsie preferenziali per i mezzi pubblici”

Nadia Spallitta. Foto Internet

Il consigliere comunale Nadia Spallitta ( gruppo Idv) , vice presidente vicario del Consiglio Comunale – ha dichiarato:

«Numerosi sono i problemi che la città di Palermo deve affrontare, anche se è indubbio che quello lavorativo e occupazionale sia tra i più rilevanti, e non si può non esprimere piena solidarietà ai tanti lavoratori licenziati o in mobilità, ed avere altresì un occhio di riguardo per i giovani in cerca di occupazione.

In quest’ottica, l’Amministrazione deve avere una visione strategica e generale. Ed infatti,molte di queste problematiche sono strettamente collegate tra di loro, e in alcuni casi la soluzione di questioni che potrebbero sembrare di secondaria importanza, può invece agevolare la definizione di criticità più complesse.

Quando il comico toscano diceva che il principale problema di Palermo è il traffico, ovviamente intendeva scherzare, tuttavia, garantire una migliore qualità della vita, anche attraverso la soluzione di problemi connessi con la viabilità, può rappresentare, ad esempio, un incentivo al turismo, con tutte le ricadute benefiche, anche in termini occupazionali, che lo sviluppo del settore può comportare. Inoltre può essere anche uno strumento di sostegno alle numerose attività economiche, che  soprattutto nel centro storico e cittadino,  negli ultimi tempi hanno subito la concorrenza dei grandi centri commerciali.

Proprio per affrontare tali questioni, in questi giorni la terza commissione presieduta dalla consigliera La Colla,e la prima commissione presieduta dal consigliere Catalano, hanno incontrato gli uffici e le associazioni di categoria,  come quella dei tassisti, per acquisirne indicazioni anche in vista dell’adottando Piano Urbano del Traffico.

Il problema principale da risolvere, è quello di ridurre l’uso delle automobili ed incentivare invece l’uso di mezzi alternativi, e altresì di mezzi pubblici e taxi, anche attraverso un sistema tariffario che ne agevoli la fruizione. Una delle proposte che, a mio avviso, è meritevole di accoglimento, è quella di creare nuove corsie preferenziali, riducendo così i tempi di percorrenza, con conseguente abbassamento delle tariffe.

A Palermo, infatti, su un percorso viario di circa 330 km, esistono solo 22 km di corsie preferenziali per autobus, taxi, e altri mezzi pubblici, che quindi , per quasi tutto il loro percorso, devono fare i conti con l’intenso traffico veicolare. Condizione paradossale, che diversifica Palermo dalle altre città europee. Da qui la proposta di prevedere nel Piano Urbano del Traffico, la creazione di ulteriori corsie preferenziali, il cui utilizzo esclusivo da parte dei mezzi pubblici , possa ridurre i tempi di percorrenza e quindi l’abbattimento dei costi degli utenti.

È ovvio che è necessario attivare contestualmente una campagna di informazione e di sensibilizzazione dei cittadini all’uso dei mezzi pubblici, valorizzando i vantaggi che all’intera collettività ne potrebbero derivare, non solo in termini di qualità della vita e degli effetti indiretti di cui abbiamo parlato sopra, ma altresì anche in relazione ad una maggiore sicurezza e alla riduzione  dell’inquinamento atmosferico».

Comunicato Stampa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

3 commenti

  1. Salve a tutti, ho appena rievuto il rigetto del ricorso da me presentato al Prefeto di Palermo, per una multa su striscie blu. La motivazione si avvale della sentenza n. 25470 del 16/12/2010 la quale stabilisce che le zone “A” delle ZTL sono escluse dall’obbligo di destinare un’area a parcheggio libero nelle immediate vicinanze di quelle a pagamento. Qualcuno sa dirmi se il PUT di Palermo sia mai stato approvato ? se non esiste, le ZTL sarebbero illegittime, posso ricorrere in opposizione al Giudice di Pace ? Grazieee

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.