PoliticaPrimo Piano

Pd Sicilia, in tre voteranno Claudio Fava: “Mai con l’Udc”

Pierluigi Bersani disperato (foto internet)

La campagna elettorale per le regionali del prossimo 28 ottobre s’infiamma sempre di più: oggi tre componenti della Direzione Regionale del PD Sicilia (Mariangela Di Gangi, Manfredi Lombardo, Sergio Petrona Baviera) hanno deciso di appoggiare Claudio Fava, candidato della coalizione che comprende SeL, Rifondazione Comunista e IDV, contrastando e contestando aspramente la decisione del PD locale di allearsi con l’UDC.

“La distanza che c’è oggi tra il popolo progressista e quello dei maggiorenti è incolmabile”, così esordisce Manfredi Lombardo. “Assistiamo alla candidatura di Crocetta spalleggiato da un Cracolici che ha distrutto i piani di chi avrebbe voluto una giustizia sociale. Oggi ci vuole un presidente che non abbia firmato cambiali in bianco. Noi non tradiamo il PD; quelli che lo stanno facendo sono altri. Il PD siciliano sta prendendo i caratteri peggiori della Democrazia Cristiana: Fava, invece, si è dimostrato un vero uomo di sinistra lontano dagli schemi politici che hanno interessato la Sicilia negli ultimi anni. Ha l’autorità e la cultura giusta per risollevare le sorti della nostra Regione: siamo ben oltre il baratro, ci viene tutto occultato dai dirigenti per non suscitare panico. Bisogna dare a chi non ha avuto e togliere a chi ha troppo: solo Claudio Fava può rappresentare un’alternativa concreta.”

Gli fa eco Mariangela Di Gangi, estremamente delusa dal partito che sentiva più vicino alle sue idee: “Il Pd ha rinunciato al ruolo di protagonista che avrebbe potuto avere in queste elezioni regionali appoggiando un partito che per anni è stato alleato con il centrodestra: c’è gente che combatte da una vita l’UDC e ora ci si ritrova alleata. Ho avuto modo di riscontrare piacevolmente le reazioni di alcuni esponenti locali del PD e delle segreterie di circolo che hanno manifestato concreto sostegno alla nostra linea politica.”

La decisione di appoggiare Fava alle prossime elezioni è arrivata tramite un comunicato che ha escluso la presenza dei tre componenti della direzione regionale del PD all’assemblea odierna. “La questione è molto semplice ed evidente come d’altronde il documento presentato quest’oggi”, esordisce Sergio Petrona Baviera.

Il sostegno a Fava nasce dalla scelta coercitiva del Partito Democratico: ci prendiamo tutte le responsabilità del caso ma è questa la strada giusta. Non possiamo sostenere una coalizione che è contraria al progresso regionale e che ha scelto di intraprendere un percorso politico al fianco di un partito ed un’idea che abbiamo sempre combattuto e i cui esponenti si sono rivelati i principali autori e complici dello sfascio nella nostra Regione. Questo non corrisponde alla nostra idea di cambiamento.”

In una Regione dove i manifesti elettorali di Rosario Crocetta parlano di “Rivoluzione” e il volto di Che Guevara viene usato per pubblicizzare un prodotto, questa si presenta come una decisione importante che va contro ogni logica di partito e che potrebbe segnare un possibile cambio di marcia nell’elettorato di sinistra ma anche all’interno del PD.

Simone Giuffrida

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.