CulturaPrimo Piano

Parlamento della Legalità, Panasci responsabile delle iniziative culturali

Francesco Panasci

Il Centro Studi Culturale Parlamento della Legalità nasce dalla volontà di Nicolò Mannino di diffondere la cultura antimafia attraverso strategie educative per non cadere nella trappola della malavita organizzata. L’obiettivo del progetto di Mannino è quello di “potenziare le qualità naturali dei giovani al fine di divenire artefici e protagonisti di un mondo nuovo, impegnandosi nel presente per rendere a colori la vita di chi vive nell’abbandono e nella solitudine”.

Il giudice Antonino Caponnetto diventa Presidente Onorario; Renato Schifani inaugura l’anno accademico e Gianfranco Fini ne chiude i lavori; il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano fa pervenire a Nicolò Mannino la prestigiosa medaglia del Quirinale e gli conferisce il titolo di Cavaliere emerito della Repubblica Italiana.

Il progetto culturale di Mannino comincia così a raccogliere il consenso da parte di esponenti del settore politico, culturale, del mondo ecclesiale e istituzionale, magistrati e ministri. Fanno parte del Parlamento della Legalità Pietro Grasso, Caterina Chinnici, Maria Falcone, Elisabetta Baldi, Franco La Torre e tantissime altre personalità spinte dalla “voglia di vivere nella libertà e nella speranza di un mondo migliore”.

Il Presidente Mannino insieme alla Commissione interna ha scelto di nominare Francesco Panasci come responsabile generale per la comunicazione delle iniziative culturali del Parlamento della Legalità. L’incarico sarà ufficializzato martedì 12 novembre in Commissione Cultura all’Ars in occasione di un incontro con i componenti del Centro.

Celeste Bufalino

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

  1. Complimenti a Panasci per questo nuovo incarico.. Lo seguo da diverso tempo ormai e mi piace la sua voglia di guardare sempre avanti e non fermarsi mai. Auguri! E viva i siciliani!!!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.