CronacaPrimo Piano

Palermo, tribunale affida minore a coppia gay

Il tribunale dei minori di Palermo ha deciso di affidare un ragazzo di 16 anni ad una coppia gay. I due uomini sono iscritti nel registro delle imprese delle unioni civili. Formalmente l’affidamento è dato ad uno dei componenti della coppia. Il giovane proviene da una famiglia che vive un grave disagio sociale. I due affidatari si erano rivolti al Comune per tentare di prendersi cura di un minore.

La notizia è resa nota dal Comune. Nel gennaio dello scorso anno la Cassazione sentenziò che ”un minore può crescere in modo equilibrato anche in una famiglia gay”. Né vi sono ”certezze scientifiche o dati di esperienza” che provino il contrario.

Per il presidente di Arcigay Palermo Daniela Tomasino “è un segnale, stiamo andando verso la normalizzazione di qualcosa che è già una realtà. Proporsi in affido è un modo per dare una mano a qualcuno che ha bisogno di un sostegno, che la famiglia naturale non può dare, ed è quello che hanno fatto i due uomini, anche se la strada da fare c’è”.

“La pratica dell’affido – continua – si è conclusa da poco. Prima c’è stato un affidamento di prova e poi un’attenta valutazione da parte degli psicologi e dei giudici che hanno deciso l’affido definitivo”. “Sono contenta che loro abbiano voluto far conoscere la loro storia – aggiunge – perché la realtà è diversa dalle norme giuridiche. Le persone vivono, creano famiglie e chiedono in affido minori. Condivido le parole di un conservatore inglese che dice che disapprovare omofobia è stupido, è come disapprovare la pioggia”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.