Cultura

Palermo, richiesta indennità occupazione Spasimo

La Fondazione The Brass Group informa di avere ricevuto una nuova comunicazione dal Settore Risorse Immobiliari del Comune di Palermo, in merito alla richiesta di un’indennità di occupazione per lo Spasimo. Tale indennità, quantificata in euro 218.840,00 nel febbraio 2012, è stata rideterminata tenendo conto del fatto che la Fondazione “non ha occupato e non occupa integralmente i locali del Complesso Monumentale dello Spasimo ad eccezione di alcuni ben individuati corrispondenti a quelli siti al primo piano […], peraltro coincidenti con gli spazi utilizzati dalla Scuola del jazz che in passato furono utilizzati nell’ambito del progetto Urban ed altri due piccoli locali posti al piano terra”.

Le somme richieste, in riferimento al periodo compreso fra il 01/01/2008 e il 02/05/2013, ammonterebbero dunque a euro 186.952,24. A questa somma bisognerebbe aggiungere 37.300,00 euro di canone annuo fino alla sottoscrizione della concessione dei locali, che farebbe aumentare l’indennità di occupazione a 44.760,00 euro annui e sarebbe comunque “subordinata alla corresponsione complessiva del debito pregresso e alla rinunzia del giudizio attualmente pendente dinanzi al TAR”.

“Conosco Leoluca Orlando da quarant’anni e dubito che ne sappia qualcosa: mi impongo di credere che non ne sia al corrente”, dichiara Ignazio Garsia, presidente del The Brass Group , dopo l‘incontro svoltosi ieri al Ridotto dello Spasimo tra i lavoratori della Fondazione. “Più volte, infatti, il Sindaco ha manifestato la sua volontà e disponibilità ad accogliere le nostre richieste – aggiunge Garsia -, dichiarandolo anche lo scorso dicembre ai microfoni di una delle maggiori emittenti televisive del territorio, quando il complesso di S. Maria dello Spasimo è stato riaperto al pubblico. E in ogni caso – conclude il presidente Garsia – i valori delle attività concertistiche, didattiche e sociali svolte dal Brass negli anni, riqualificando il territorio e garantendo servizi alla comunità, sono tali che compenserebbero ampiamente le valutazioni espresse dal Settore Risorse Immobiliari del Comune”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.