Economia & LavoroPrimo Piano

Palermo, presidio Cisl in Prefettura

Presidio Cisl (foto di Francesca Del Grosso)

Questa mattina ha avuto luogo  il presidio organizzato dalla Cisl dinanzi al prefetto di Palermo di via Cavour, seguito dal dibattito tra il Prefetto e Cisl, per la risoluzione della questione riguardante gli ammortizzatori in deroga di tutti i lavoratori siciliani in cassa integrazione e disoccupati che attendono da mesi  che la situazione si smuova.

A intervenire le associazioni Fisascat  (Federazione Italiana Sindacati Addetti ai Servizi Commerciali Affini Turismo) rappresentata dalla segretaria Mimma Calabrò, la Femca rappresentata da Vito Favarò, la Fim (Federazione Italiana Metalmeccanici) rappresentata da Michelalgelo Lo Bello, il segretario Cisl Giorgio Tessitore.

In un’ora e mezza circa di dialogo i rappresentanti Cisl hanno descritto ed esposto la situazione attuale al capo di gabinetto, Dott. Postiglione  già a conoscenza  della vicenda  poiché seguita sin dall’inizio.

Al termine dello stesso, il segretario Cisl  Giorgio Tessitore a sua volta, ha spiegato ai lavoratori intervenuti quanto discusso e deciso, dichiarando:

Negli anni passati lo stato ha finanziato per tutte le regioni  tutte le somme che sono servite  per finanziare casse integrazioni in deroga e mobilità in deroga per chi era già stato già licenziato. La regione siciliana a differenza delle regioni del nord, in cui la situazione dopo il 2010 si è stabilizzata, ha avuto un crescendo di fabbisogno, difatti di anno in anno sono aumentate  le persone in cassa integrazione e licenziate che hanno richiesto l’assistenza dell’ammortizzatore in deroga. Pertanto il governo nazionale a fronte di questa situazione ha ridotto la spesa nazionale che si è ridotta al 2013 a 600 milioni di Euro”.

Dal dibattito è poi emerso che la somma pattuita da stanziarsi al momento  è di 65 milioni di Euro. Un aumento di circa 15 milioni rispetto a quanto proposto dal governo  all’ex governo regionale  Lombardo, che non ha sottoscritto l’accordo nei mesi scorsi.

Poi ha dichiarato “I presupposti  per poter risolvere la situazione possono esserci istituendo un tavolo nazionale che crei nuovi strumenti e risorse diversi dagli ammortizzatori in deroga che permettino la riorganizzazione delle partecipate in Sicilia”.

Poi ha concluso  “E’ fondamentale l’intervento del nuovo presidente della Regione, Rosario Crocetta che dovrà intervenire sul da farsi o procedere tempestivamente alla nomina del nuovo assessore al lavoro per risolvere la situazione”.

Domani la manifestazione  si sposterà presso gli uffici provinciali del lavoro di  via Imperatore Federico.

Si dovrà attendere l’ insediamento del nuovo presidente regionale, il prossimo mercoledì, e la firma dell’eventuale accordo quadro, prima che si abbiamo risposte certe  per i siciliani  rimasti senza lavoro, e per coloro che continuano a lavorare da mesi senza percepire stipendio.

Francesca Del Grosso

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.