Cinema-Teatro-Musica

Palermo, Orchestra Sinfonica Siciliana: la stagione 2013

Giuseppe Albanese (foto ufficio stampa)

Al via, dal prossimo weekend, il settimo ciclo di Conversazioni Musicali a ingresso gratuito, curate da Carlo Lauro: chiacchierate a tema musicale che illustrano alcuni dei concerti in programma per la 54a Stagione concertistica dell’Orchestra Sinfonica Siciliana.Confermato anche per la Stagione 2013, nonostante la congiuntura economica sfavorevole, un appuntamento annuale molto apprezzato dal pubblico che ha l’occasione di ascoltare e dialogare con i grandi critici musicali italiani. Sette gli appuntamenti in programma, da gennaio a maggio, nella Sala Rossa del Politeama Garibaldi e che approfondiranno alcuni aspetti dei compositori più amati: Stravinskij, Mahler, Haydn, Wagner, Čajkovskij, Schubert e Debussy.

Si comincia l’11 gennaio con Maurizio Biondi che affronterà Il Concerto per pianoforte di Stravinskij: maschere e riti del neoclassicismo. La serata musicale proseguirà alle 21.15 con il concerto che vedrà protagonista la musica russa del primo Novecento.  La bacchetta è del giovane direttore brasiliano Carlos Prazeres, direttore principale dell’Orchestra Sinfonica di Bahia. Stravinskij, Prokof’ev e Khachaturjan sono gli autori scelti per la serata che si aprirà con le note del Concerto per pianoforte e orchestra di Stravinskij, eseguito dal giovane pianista Giuseppe Albanese. Ancora, verrà eseguita la suite Liutenant Kijè che Prokof’ev elaborò in duplice versione, di cui una usa la voce del baritono e l’altra quella del sassofono tenore in funzione solistica. La Suite, in cinque movimenti, segue lo svolgimento dell’omonimo film russo diretto da Alezandr Faintsimmer, ricavato dalla novella di Yury Tynyanov. L’ultima pagina musicale in ascolto è del georgiano Aram Khachaturjan: la Masquerade, eseguita in forma di Suite in cinque tempi. [Il concerto replica sabato 12 gennaio alle ore 17.30. Ingressi al botteghino da €10,00 a € 25,00]

Il secondo appuntamento del ciclo “Conversazioni musicali” è previsto per il 25 gennaio: Piero Violante terrà la conversazione dal titolo A colpi di martello. Sulla Sesta di Mahler. Il 15 febbraio toccherà a Giovanni Bietti parlare di Haydn e la sinfonia. Il Wagner classicista sarà oggetto della conversazione in programma il 22 febbraio e tenuta da Luca Zoppelli mentre il 15 marzo, Giorgio Pestelli parlerà di Čajkovskij tra sinfonia e balletto. Il 27 aprile Alberto Caprioli discuterà di Der himmlische Gast im Orchester. Lettura della Sinfonia in do maggiore di Schubert. Chiuderà il ciclo, la conversazione di Marco Vallora, il 10 maggio, su L’onda impressionista di Debussy.

Tutti gli incontri iniziano alle ore 20.00, il giorno stesso del concerto in programma.

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

2 commenti

  1. benvengano queste iniziative artistiche, bella musica,ma perche non fanno arte e basta,non se ne puo piu di questi che si aggregano per darsi un tono … mi sembra che ha partecipato alla scorsa biennale di venezia con quell ammucchiata di pittori???

  2. ma che belli i cicli musicali per me molto apprezzati e amati la musica parla da se, credo che non necessita di approfondimenti di questa onda impressionista che si giustificata, ma non credo che vallora sia molto chiaro-discorsivamente poco lucido, gia sentito come critico sembra mettere problemi davanti alle soluzioni sembra si sforzi inutilmente di trovare letture originali a cio che e gia bello

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.