Economia & LavoroPrimo Piano

Palermo, nuovo modello organizzativo per la Gesip

A Villa Niscemi si è tenuta una riunione tra il sindaco Leoluca Orlando e i rappresentanti confederali per affrontare il tema delle aziende partecipate del Comune di Palermo.  È stata un’occasione per prendere atto delle attività di risanamento compiute con riferimento a tutte le aziende partecipate e per confermare la volontà dell’Amministrazione Comunale, con riferimento alla Gesip, di costituire una nuova azienda partecipata per garantire la continuità di tutti i servizi resi e nuovi da rendere ai cittadini.

“La nuova azienda – ha detto il sindaco Leoluca Orlando – usufruirà di un nuovo modello organizzativo che assicurerà risultati differenti rispetto al passato, operazione già posta in essere con la RAP che sta ottenendo, ora, buoni risultati,tutto ciò in attesa di trasferimento di parte dei lavoratori anche in aziende partecipate”.

Attese le mutate condizioni normative sull’accesso alla cassa integrazione in deroga, utilizzabile sino al 31 dicembre 2014, il Comune ha già aperto un tavolo di confronto con il Ministero del Lavoro e porrà in essere tutte le iniziative possibili nei confronti del Governo e del parlamento nazionale avendo già avviato i relativi contatti.

In considerazione del positivo risultato dell’esodo incentivato dei dipendenti Gesip,l’Amministrazione Comunale ha deciso di riaprire il bando. Con riferimento alla situazione dei lavoratori GESIP si è confermato l’impegno dell’Amministrazione di affrontare con tutti gli strumenti possibili la posizione di tutti i lavoratori, segnalando che si è proceduto, da 0 euro nell’anno 2012, a stanziare 30 milioni di euro strutturali che costituiscono il massimo dell’impegno compatibile con l’equilibrio di bilancio del Comune. Questa somma costituisce il massimo stanziamento comunale possibile per l’intero bacino di lavoratori, comprensivo di tutti gli oneri fiscali, IVA, contributivi e organizzativi.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.