Cinema-Teatro-Musica

Palermo, Musicaingioco al Politeama per i più piccoli

Pierino tra i giocattoli è il titolo del nuovo spettacolo dell’Orchestra Sinfonica Siciliana, in programma al Politeama Garibaldi venerdì 13 dicembre alle ore 17.30, per la rassegna Musicaingioco dedicata ai ragazzi fino a 14 anni.

Pierino tra i giocattoli” nasce dalla fusione di due spettacoli già realizzati, in passato, dalla Sinfonica: Pierino e il lupo con le musiche di Prokof’ev e La Sinfonia dei giocattoli, con le musiche di Leopold Mozart. La messa in scena è di Valentina Console e Fabrizio Lupo con la scuola di Scenografia dell’Accademia di Belle Arti di Palermo.

Le coreografie della Sinfonia dei Giocattoli sono di Enzo Caruso, quelle di Pierino e il lupo sono di Giovanna Velardi. Il direttore d’Orchestra è Francesco Di Mauro che è anche l’ideatore della rassegna. Tra i protagonisti, Maurizio Majorana in qualità di narratore e nonno di Pierino, Stellario Di Blasi che interpreta il lupo e Giovanni Velardi che interpreta lo stesso Pierino.

Chiamata nei paesi di lingua tedesca Kindersimphonie (Sinfonia per bambini), secondo studi recenti, la Sinfonia dei giocattoli sarebbe in realtà opera di Edmund Angerer, un monaco benedettino austriaco vissuto nella seconda metà del Settecento, la cui fama non sopravvisse alla sua morte. La Sinfonia, tradizionalmente attribuita a Leopold Mozart, padre del grande Wolfgang Amadeus, ha trovato una collocazione stabile nel repertorio sinfonico grazie anche al suo particolarissimo organico orchestrale all’interno del quale spiccano alcuni strumenti originali come una forma speciale di rullante e una raganella. Nell’originalissimo organico figurano anche alcuni strumenti di origine tedesca provenienti dall’Alta Baviera e capaci di riprodurre i versi del cuculo, della quaglia e dell’usignolo.

Pierino e il lupo sarebbe invece nato quando, nel 1935, Prokof’ev visitando il Teatro Centrale per Bambini e assistendo a qualche spettacolo insieme ai propri figli, aveva fatto la conoscenza della direttrice Natalja Satz che un anno dopo gli propose di scrivere un lavoro destinato a un pubblico di giovanissimi. L’opera, scritta su testo in prosa dello stesso Prokof’ev, fu eseguita per la prima volta sotto la sua direzione alla Filarmonica di Mosca il 2 maggio 1936 ottenendo un’accoglienza piuttosto fredda dovuta probabilmente all’assenza della Satz che, per ironia della sorte, si era ammalata; il successo arrise a questo lavoro qualche settimana dopo quando la donna, completamente ristabilitasi, interpretò la parte recitata. La trama di questa favola è molto semplice: Pierino, pur disobbedendo, con grande coraggio cattura il lupo nella foresta e lo consegna ai cacciatori, per cui nonostante la disobbedienza iniziale egli diventa un eroe positivo per aver liberato la foresta e gli altri animali dalla paura del lupo cattivo.

Lo spettacolo è un fuori abbonamento e l’ingresso costa 12 euro per gli adulti e 6 euro per i ragazzi.

Mario Trapani

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti Potrebbe Interessare:

Close