CronacaPrimo Piano

PALERMO: LA POLIZIA DI STATO SEQUESTRA UNA AUTORIMESSA CON ANNESSO AUTOLAVAGGIO TOTALMENTE ABUSIVI. DENUNCIATO IL GESTORE

(di redazione) Continuano i servizi di contrasto al fenomeno dell’abusivismo commerciale ed ai reati di natura ambientale, in diverse aree del centro storico cittadino, coordinati dalla Polizia di Stato. L’attività è stata condotta dagli Agenti della Sezione “Amministrativa” del
Commissariato di P.S. “Oreto-stazione”, unitamente a personale della Polizia Provinciale di Palermo.

In via Venezia, gli operatori hanno constatato l’esistenza di un’attività abusiva di
parcheggio, con annesso autolavaggio, anch’esso totalmente abusivo. L’attività ospitava all’interno due aree ben distinte, una adibita a parcheggio ad ore e l’altra a lavaggio.
Al momento del controllo numerose erano le autovetture e le moto parcheggiate
all’interno.

A gestire l’attività un cittadino di nazionalità ghanese, privo di permesso di soggiorno e di qualsiasi documento di identificazione, motivo per cui dopo le operazioni di fotosegnalamento presso gli Uffici della Polizia Scientifica e gli opportuni accertamenti
presso l’Ufficio Immigrazione, è stato adottato a suo carico un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale.

Il titolare dell’attività B.B., palermitano di anni 70, è stato denunciato all’A.G. per la
mancanza di autorizzazione allo scarico e del prescritto certificato di prevenzione incendi,
nonchè per lo smaltimento illecito di rifiuti, solidi e liquidi. Il locale è stato posto sotto sequestro preventivo, così come tutta l’attrezzatura necessaria per svolgere l’illecità attività. I veicoli ed i motoveicoli ospitati nella struttura sono stati, invece, riconsegnati ai legittimi proprietari.

Nei giorni scorsi, sempre i poliziotti della sezione “Amministrativa” del Commissariato
di P.S. “Oreto-Stazione” e del Reparto Prevenzione Crimine, insieme a militari della Guardia di Finanza e di personale della SIAE, hanno effettuato ulteriori controlli in alcuni esercizi commerciali di via Fileti e di via Maqueda, comminando ai rispettivi titolari sanzioni Continuano i servizi di contrasto al fenomeno dell’abusivismo commerciale ed ai reati di natura ambientale, in diverse aree del centro storico cittadino, coordinati dalla Polizia di
Stato.

L’attività è stata condotta dagli Agenti della Sezione “Amministrativa” del Commissariato di P.S. “Oreto-stazione”, unitamente a personale della Polizia Provinciale di Palermo.
In via Venezia, gli operatori hanno constatato l’esistenza di un’attività abusiva di parcheggio, con annesso autolavaggio, anch’esso totalmente abusivo.L’attività ospitava all’interno due aree ben distinte, una adibita a parcheggio ad ore e l’altra a lavaggio.

Al momento del controllo numerose erano le autovetture e le moto parcheggiate all’interno. A gestire l’attività un cittadino di nazionalità ghanese, privo di permesso di soggiorno e di qualsiasi documento di identificazione, motivo per cui dopo le operazioni di fotosegnalamento presso gli Uffici della Polizia Scientifica e gli opportuni accertamenti
presso l’Ufficio Immigrazione, è stato adottato a suo carico un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale.

Il titolare dell’attività B.B., palermitano di anni 70, è stato denunciato all’A.G. per la
mancanza di autorizzazione allo scarico e del prescritto certificato di prevenzione incendi,
nonchè per lo smaltimento illecito di rifiuti, solidi e liquidi. Il locale è stato posto sotto sequestro preventivo, così come tutta l’attrezzatura necessaria per svolgere l’illecità attività.I veicoli ed i motoveicoli ospitati nella struttura sono stati, invece, riconsegnati ai legittimi proprietari.

Nei giorni scorsi, sempre i poliziotti della sezione “Amministrativa” del Commissariato
di P.S. “Oreto-Stazione” e del Reparto Prevenzione Crimine, insieme a militari della
Guardia di Finanza e di personale della SIAE, hanno effettuato ulteriori controlli in alcuni
esercizi commerciali di via Fileti e di via Maqueda, comminando ai rispettivi titolari sanzioni.

Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.