Cultura

A Palermo ‘La Cosmogonia’, mostra dello scultore Vittorio Gentile

Alcune opere esposte (foto di Giada Mercadante)

Inaugurata ieri, a Palermo, la mostra del maestro scultore siciliano Vittorio Gentile, La Cosmogonia, presso le sale Duca di Montalto di Palazzo Normanni. Erano presenti il direttore della Fondazione Federico II Lelio Cusimano e il giornalista Vincenzo Prestigiacomo che hanno descritto magistralmente l’attività dello scultore.

Il termine cosmogonia, titolo della mostra, deriva dal corrispondente greco κοσμογονία e significa nascita del cosmo, ovvero origine dell’universo. Vittorio Gentile il mondo lo crea, lo modella, lo mette in relazione con l’uomo. Passeggiando per la città, infatti, non si può non aver visto una delle sculture del grande maestro che dal Vittoriano a Berlino, ora è protagonista della bellissima sede del Palazzo dei Normanni. A Villa Sperlinga le sue opere sono fruibili per i cittadini ed assumono una funzione pubblica.

“La mostra – spiega Gentile – vuole mettere in risalto il corpo dell’uomo e della donna nella loro combinazione. La scultura a differenza delle altre arti è movimento, è riempire i vuoti. Ecco perché – continua il maestro – molte persone vogliono le statue in giardino, per riempire il vuoto che dà fastidio. Vuoto e silenzio sono pericolosi”.

Le opere di Gentile illuminano la sala espositiva con la luce fredda dei marmi di Carrara, del travertino di Carini, della pietra di Avola. La materia prediletta è il marmo. Le figure sono organiche ma di forte astrazione che vuole essere la generalizzazione simbolica di una concreta emozione.

Cusimano ha dato numeri importanti per il turismo siciliano: dal 2009, anno del suo insediamento in Fondazione, ci sono state più di 40 mostre, 250.000 visitatori e più di 15.000 opere esposte. Cusimano ha raccontato l’attività della Fondazione Federico II che si muove su tre assi: la gestione del flusso dei visitatori per Palazzo dei Normanni garantendone la fruizione, la redazione della rivista quindicinnale Cronache Parlamentari, e l’organizzazione di mostre di artisti siciliani come in questo caso la mostra dedicata a Gentile. Vincenzo Prestigiacomo nel suo intervento definisce Gentile figlio spirituale di Brancusi, esaltandone le qualità. Prestigiacomo ricorda il ministro Frattini che anni fa aveva detto in una sua intervista di essere orgogliosi di Gentile, definendolo figlio Italiano.

La mostra è visitabile dal lunedì al sabato, dal 13 Ottobre al 9 Novembre , l’ingresso è di € 3,00.

Giada Mercadante

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.