Cronaca

Anagrafe per le donne migranti incinte

foto da internet

Finalmente anche a Palermo, dopo anni di ingiustificata discriminazione, le donne migranti in stato di gravidanza, titolari di un permesso di soggiorno di durata superiore a tre mesi, hanno il diritto di chiedere l’iscrizione anagrafica.

Negli ultimi anni erano arrivate diverse segnalazioni, da parte di associazioni, su una errata interpretazione della legge  (art. 19 del Testo Unico sull’immigrazione) da parte degli uffici anagrafici del Comune di Palermo. “A seguito di un approfondito riscontro, spiega l’assessore Giusto Catania, abbiamo immediatamente provveduto ad eliminare tale errore che negli ultimi anni ha penalizzato molte donne che hanno visto violato il proprio diritto”.

A seguito di una sentenza della Corte Costituzionale il divieto di espulsione si estende anche al marito convivente della donna in stato di gravidanza e nei sei mesi successivi alla nascita del figlio.

Il ripristino di questo diritto, oltre a rendere possibile la fruizione di interventi sociali rivolti ai neonati, favorirà le procedure per l’ottenimento della cittadinanza italiana.

(Comunicato stampa)

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.