Primo Piano

Palermo: Il Teatro del Fuoco approda all’ Ospedale Cervello

con un laboratorio teatrale dedicato ai bambini ospedalizzati

(di redazione) Il Teatro del Fuoco, l’ appuntamento di spettacolo diventato ormai un brand internazionale, approda all’ Ospedale Cervello.

Fra gli eventi della rassegna, dedicati da quest’anno al sociale, è previsto il laboratorio teatrale per i più piccoli “Dove i sogni si avverano”.

Un progetto ideato dall’ organizzatrice del Teatro del Fuoco, Amelia Bucalo Triglia, sostenuto dal Dasoe (Dipartimento attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico) della Regione Siciliana e accolto con grande favore dall’ Azienda Ospedali Riuniti Villa Sofia Cervello.

L’ evento è dedicato a tutti i bambini, dai 6 ai 10 anni, ospedalizzati nell’ area materno infantile dell’Ospedale Cervello, che comprende il Pronto soccorso pediatrico, la Pediatria e l’Ortopedia Pediatrica.

Le attività avranno luogo negli spazi antistanti il Pronto soccorso pediatrico, opportunamente attrezzati dal servizio tecnico aziendale, per diventare una vera e propria scuola teatrale all’ aperto, condotta da Emanuele Abbagnato, insegnante di teatro, specializzato in teatro pedagogico.

Il modulo delle attività è definito “Elementi creativi” ed è già operativo da circa un anno presso la sede del Teatro del Fuoco, un bene confiscato alla mafia, in via Tommaso Natale 78 (di fronte Villa Boscogrande), all’ interno del quale si svolgono  corsi di teatro per bambini dai 5 agli 11 anni.

Tre gli appuntamenti in programma: si inizia il 23 luglio dalle 16 alle 17,30 con il primo laboratorio, si proseguirà il 25 luglio dalle 16 alle 17,30 con il secondo laboratorio e poi gran finale il 30 luglio alle 21 con la performance di luci, danze acrobatiche e musica.
Responsabile aziendale dell’evento il dr. Salvatore Siciliano, dell’Unità operativa di Educazione e promozione della salute.

“Siamo orgogliosi di ospitare questo evento collaterale di una manifestazione che è ormai un affermato brand internazionale, sottolinea il Direttore Generale dell’Azienda Ospedali Riuniti Villa Sofia Cervello, Walter Messina. Il Teatro diventa così occasione di aggregazione e di socializzazione, ma anche un momento di svago e di allegria per i bambini ospitati nel materno infantile, per i quali l’ospedalizzazione rappresenta sempre un momento traumatico. E’ un passaggio fondamentale nell’ ambito di un concreto percorso di umanizzazione delle cure, sia in ambito pediatrico che adulti, al quale l’Azienda guarda ogni giorno con grande attenzione e per il quale sta lavorando insieme a tutte le Unità operative ospedaliere”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.