Cronaca

Palermo, i residenti del centro storico contro topi e cattivi odori

I disagi connessi alla gestione dei rifiuti a Palermo sembrano non passare mai di moda. A sollevare le proteste è stavolta un gruppo di residenti di via Lungarini, a pochi metri da piazza Marina. Oggetto della questione è una piccola discarica che si è creata negli ultimi tempi a causa della rimozione dei cassonetti dei rifiuti posti all’altezza di Palazzo Sammartino.

Lo storico immobile, lasciato al più completo degrado da tempo immemore, con la complice presenza dei contenitori è diventato un ricettacolo per topi e blatte. La rimozione dei cassonetti, che avrebbe dovuto scongiurare il problema, ha paradossalmente scatenato l’incuria di alcuni cittadini che hanno continuato a depositare rifiuti di ogni genere sull’asfalto aumentando il disagio percepito.

Loredana Donato, residente di via Lungarini: “Siamo spettatori passivi di uno scempio che si consuma sotto i nostri occhi: residenti che continuano a lasciare lì i loro rifiuti, addetti alle pulizie degli uffici vicini che vi scaricano di tutto, vecchi elettrodomestici trasportati e depositati in mezzo alla strada, sacchetti della spazzatura lanciati dalle auto in corsa. Se fai notare alle persona la loro inciviltà arrivano anche ad aggredirti verbalmente, come è successo a me. Addirittura – prosegue la residente – pochi giorni fa hanno lasciato una bombola del gas. Eravamo spaventati non sapendo se fosse piena o meno. La cosa assurda è che tutto avviene alla presenza a pochi metri dei vigili urbani che stazionano a piazza Marina. Ho chiamato l’Amia e la Polizia Municipale ma si rimpallano a vicenda la competenza d’intervento”.

Le fa eco Elena Conigliaro, un’altra residente che lamenta in particolar modo i problemi non secondari connessi alla viabilità e all’immagine della città che la presenza della mini discarica sta comportando: “Abbiamo i topi che passeggiano sotto casa e i cattivi odori ci stanno asfissiando. Non è un bel biglietto da visita per i numerosi turisti che attraversano la nostra zona e che rimangono indignati davanti a uno spettacolo del genere. Il cumulo di rifiuti crea anche problemi di viabilità che erano già emersi da quando è stata pedonalizzata parte di piazza Marina: l’aumento di auto che parcheggiano sotto casa e che passano per via Lungarini sta rendendo l’area invivibile. Noi paghiamo le tasse profumatamente per i servizi cittadini, per questo chiediamo al sindaco Orlando di aiutarci a risolvere il problema”.

Marco Cirincione

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.