Cronaca

Palermo, gazebo: di nuovo chiusi i locali di piazza Rivoluzione

Piazza Rivoluzione

“È grave che il Comune di Palermo decida di chiudere per altri cinque giorni i locali di piazza Rivoluzione che non hanno provveduto a smontare i gazebo, soprattutto in un momento in cui i commercianti sono colpiti da una crisi economica senza precedenti”.

Il consigliere e capogruppo dell’Udc, Giulio Cusumano, punta l’indice contro la decisione del Comune di Palermo di punire con la chiusura – la seconda in un brevissimo lasso di tempo – i titolari di locali con annessi gazebo esterni.

“La sanzione è giusta e le regole vanno rispettate – precisa Cusumano -. Questo vale per chiunque. Chiudere, però, i locali di piazza Rivoluzione e dintorni per la seconda volta in così poco tempo significa letteralmente annientare attività commerciali che in questi anni hanno garantito la rinascita del Centro storico palermitano e hanno ridato linfa vitale alla vita notturna ed economica di questa città. Anche una amministrazione pubblica deve avere un’anima e deve usare bastone e carota con chi mantiene viva l’economia locale e permette, con la propria presenza, di allontanare delinquenza e prostituzione. Per questo motivo chiedo al sindaco Orlando di dialogare con gli esercenti di questa città e di trovare con loro delle soluzioni che garantiscano entrambe le parti, piuttosto che presentarsi sempre con un’anima vessatoria”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.