Cronaca

Palermo, Ferrandelli: “Tuteliamo la Costa di Sferracavallo”

Venerdì 8 febbraio, alle 18, presso l’Hotel Bellevue di Sferracavallo (via Plauto, 40) si terrà un’assemblea cittadina per discutere insieme ad esperti e amministratori il futuro del mare di Sferracavallo.

“Approvare l’appalto per la costruzione di un impianto di depurazione che scaricherebbe direttamente nel mare di Sferracavallo è assurdo sia da un punto di vista ambientale che economico. Per questo motivo ho preparato un’interrogazione e richiesto la convocazione in commissione Ambiente per discutere la questione”. Commenta così Fabrizio Ferrandelli, deputato Pd all’Ars e segretario della commissione Territorio e ambiente, la notizia dell’ampliamento dell’impianto di depurazione di Fondo Verde.

“La costa di Sferracavallo va tutelata e salvaguardata – spiega Ferrandelli – in quanto è uno dei pochi posti nel Mediterraneo che ha mantenuto intatte le sue caratteristiche e le sue bellezze naturali. L’appalto per ampliamento dell’impianto di depurazione, che è stato aggiudicato lo scorso 22 dicembre, prevede infatti lo scarico a mare di acque reflue di 100 mila persone e andrebbe ad alterare inevitabilmente l’equilibrio ambientale”.

In quelle acque cresce e prolifera la poseidonia, un’alga divenuta sempre più rara nel Mediterraneo, che vive in aree pulite e garantisce l’ossigenazione del mare. L’impianto di depurazione, così come già avvenuto in altre zone, ne provocherebbe la morte e andrebbe persino ad intaccare la riserva naturale di Capo Gallo.

La realizzazione dell’impianto in quell’area non è giustificabile neanche da un punto di vista economico, in quanto il costo di costruzione non cambierebbe se venisse realizzato in altre zone, dove peraltro esistono già impianti simili. In più, per ovviare al dislivello di circa 80 metri, oltre alla realizzazione dell’impianto di depurazione di Fondo Verde, dovrebbe essere realizzato anche un sistema aggiuntivo di pompaggio delle acque.

Non possiamo permettere un simile scempio – continua il deputato, insieme al consigliere comunale Fabrizio Ferrara (Ora Palermo) e ai consiglieri della VII circoscrizione Rossella Megna e Piero Pellerito (Ora Palermo) – bisogna fare chiarezza sulla vicenda per evitare di commettere errori con interventi poco ponderati che possano creare danni irreversibili al nostro ambiente”.

Comunicato stampa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.