Economia & Lavoro

Palermo, ecco i provvedimenti sul commercio itinerante

Il Sindaco Leoluca Orlando ha incontrato ieri, con gli assessori Giusto Catania e Marco Di Marco, una folta delegazione di commercianti ambulanti a Villa Niscemi. L’incontro era stato concordato per giungere ad un chiarimento dopo le polemiche scaturite dall’applicazione della recente Ordinanza in materia di commercio itinerante.

Agli ambulanti, il Sindaco ha innanzitutto spiegato lo spirito di quel provvedimento “che ha unicamente l’obiettivo – ha affermato – di mettere ordine in una selva di precedenti ordinanze e regolamentare l’uso di alcune aree di particolare interesse turistico.”

Nel corso dell’incontro è stata poi illustrata la piattaforma di provvedimenti previsti sulla materia, sia nel breve che nel medio periodo:
1) estendere da 1 ora a 2 ore la possibilità di sosta, modificando il Regolamento comunale. In attesa che la modifica venga approvata dal Consiglio Comunale, individuare aree del centro città dove, in via transitoria ed eccezionale, si può sostare due ore.
2) Inoltre si individuano queste aree per commercio ambulante:
– piazzale Ungheria (marciapiede di via M. Stabile, accanto Agenzia delle Entrate)
– Piazza Morgese (su Via Trabia, trav. via Maqueda)
– piazzetta Franco Franchi e Ciccio Ingrassia
– villetta di Piazza Sant’Oliva
– villetta di Piazza Amendola
3) gli ambulanti si impegnano a lasciare pulite le aree e curare la pulizia durante la sosta
4) L’Amministrazione comunale chiederà al Demanio marittimo l’uso dell’area del Porto di Mondello e della zona sotto piazza Beccadelli a Sferracavallo. Una parte di queste aree sarà destinata alla sosta del commercio itinerante
5) Individuazione di un’area per commercio etnico settimanale (solo la domenica), due ipotesi: area davanti la chiesa di San Giorgio dei Genovesi (tra guardia di Finanza, piazza tredici vittime e conservatorio) e una parte dell’area antistante il Tribunale
6) istituzione dell‘Osservatorio anti-discriminazioni che avrà il compito di stilare un report trimestrale sulle forme di discriminazione in città e anche sulle eventuali discriminazioni istituzionali derivati da atti amministrativi. Dovrà avere il carattere dell’indipendenza e sarà formato da esperti, giuristi, esponenti della società civile e delle categorie più esposte alle discriminazioni.
7) stabilire un periodo di sei mesi/un anno per analizzare l’insieme di ordinanze e determinazioni sul commercio ambulante al fine di fare una valutazione complessiva degli effetti.
8) Rinnovo automatico e autocertificazione per Artisti di strada e Artigiani. Si farà in modo che entro pochi giorni possa essere pronta l’ordinanza che contiene i punti della piattaforma (due ore e nuovi luoghi) ed entro 10 giorni dall’entrata in vigore dell’ordinanza si terrà un nuovo incontro per monitorarne gli effetti.

“Siamo molto soddisfatti dell’incontro di oggi e dei suoi risultati – hanno affermato Orlando, Catania e Di Marco – soprattutto siamo soddisfatti di aver ribadito che per l’Amministrazione comunale conta moltissimo il metodo del confronto e della partecipazione come elemento essenziale della pratica amministrativa.”

“Solo in questo modo, con un lento e a volte faticoso processo di ascolto e confronto stiamo riuscendo a dare risposte ad esigenze che spesso appaiono inconciliabili.”

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

  1. Spero tanto che la Piazzetta Franchi-Ingrassia possa diventare un punto
    d’incontro non solo per dare lavoro ai tanti ambulanti di Palermo ma che venga
    creato anche uno spazio per gli artisti di strada proprio in un luogo simbolo
    dell’inizio della carriera artistica dei 2 attori palermitani dove si esibivano
    con la classica “posteggia”.Giuseppe Li Causi-Collezionista film di Franco &
    Ciccio nonchè promotore dell’intestazione della piazzetta.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.