Cinema-Teatro-Musica

Palermo, domani ciclo di concerti “Musica per l’Europa”

Foto ufficio stampa

Prosegue mercoledì 8 maggio presso i Cantieri Culturali alla Zisa, Goethe-Institut, Sala Wenders alle ore 19 il ciclo di concerti Musica per l’Europa, realizzato da Curva minore in collaborazione con l’Instituto Cervantes e Goethe-Institut Palermo, con cui si propone un’idea di Europa unita, attraverso la musica, cultura e società senza però uniformarsi secondo processi di appiattimento tipici dell’industria culturale globalizzata.

Il ciclo di concerti così denominato intende sostenere le diversità del pensiero emotivo e come queste siano capaci di legarsi in una sorta di abbraccio, di girotondo, in cui ogni identità possa giocare, pensare, esprimersi o suonare in modo diverso e complementare.

Curva minore, in questo metaforico gioco delle parti o delle partiture, ha pensato di porgere questo principio di comunità culturale attraverso una selezione di brandi di compositori europei o di origine europea, capaci di esprimere posizioni di confine tra scrittura in notazione convenzionale su pentagramma, notazione grafica non convenzionale e composizione istantanea.

Ascolteremo quindi musiche del compositore inglese Cornelius Cardew scomparso prematuramente e misteriosamente nel 1981, del tedesco Andreas Wagner in piena attività in quel di Colonia, del franco-statunitense Edgard Varèse, dell’italianissimo Bruno Maderna cui il concerto è dedicato per i quarant’anni dalla sua scomparsa avvenuta proprio a Darmstadt il 21 aprile del 1973. Il concerto prevede, inoltre, una composizione istantanea realizzata dagli stessi componenti dell’ensemble Contemporary Sounds Unity costituito da Eva Geraci flauti, Marcello Cinà sassofono soprano, Alessandra Pipitone pianoforte, Alessandro Librio violino, Lelio Giannetto contrabbasso.

Contemporary Sounds Unity unisce musicisti appartenenti a differenti generazioni e provenienti da diversi percorsi musicali, in sintonia con le evoluzioni del sentire e del pensare la musica oggi. Costituito e prodotto da Curva Minore, Contemporary Sounds Unity nasce per divulgare ed eseguire quella parte del repertorio musicale che, a fianco delle forme tradizionali di scrittura, considera l’uso dell’improvvisazione, delle capacità performative e gestuali, dell’interpretazione grafica, del coinvolgimento di spazio e ambiente e dell’interazione elettroacustica, come possibilità attuali di espressione di senso sonoro.

Cornelius Cardew Treatise (estratto 1) per ensemble
Edgard Varèse Density 21.5 per flauto solo
CSU Composizione istantanea I per ensemble
Andreas Wagner Fraktale 9 per violino, contrabbasso ed elettronica
Bruno Maderna Serenata per un satellite per ensemble
Cornelius Cardew Treatise (estratto 2) per ensemble

Ingresso libero

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.