CronacaPrimo Piano

PALERMO: DENUNCIATI TRE BORSEGGIATORI SU UN AUTOBUS DI LINEA CITTADINO

(di redazione) La Polizia di Stato ha individuato e denunciato tre palermitani, malviventi, già accomunati da un importante curriculum criminale, specialmente in tema di borseggio.

E proprio di borseggio ai danni di una cittadina straniera su un autobus di linea, la “124”, sono accusati i tre, dopo essere stati individuati nei pressi di via Roma dagli agenti delle “Nibbio”, le pattuglie motomontate dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico. Determinanti per incastrarli sono state la memoria visiva e la presenza di spirito di un cittadino, testimone del borseggio: vittima e testimone erano a bordo della vettura Amat quando in via Roma, all’altezza della “Rinascente”, hanno fatto ingresso i tre borseggiatori; che si trattasse di ladri e non di semplici passeggeri, lo ha ipotizzato il testimone che ha distintamente notato i tre rappresentare la solita messinscena dei passeggeri sballottati sul mezzo dalle brusche frenate ed accelerazioni, li ha visti disporsi strategicamente alle spalle della turista e ne ha seguito i movimenti sul mezzo fin quando, con tocco felpato, hanno estratto il portafogli dalla borsa dell’inconsapevole vittima; poco prima che i malviventi abbandonassero il mezzo, il testimone ha anche fotografato uno dei tre correi ed ha informato la vittima di quello che le fosse accaduto, chiamando contestualmente il 113.

La Centrale Operativa della Questura ha immediatamente approntato una capillare attività di ricerca dei borseggiatori lungo le strade circostanti la via Roma, anche sulla base delle fotografie scattate dal diligente passeggero ed acquisite dagli agenti di Polizia intervenuti sul posto.

Gli equipaggi delle “Nibbio” hanno così, poco dopo, incrociato i tre in via Firenze, li hanno fermati e condotti in Questura laddove sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per il reato di furto con destrezza.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.