CronacaPrimo Piano

Palermo, chiude il Grand Hotel delle Palme

Chiude uno degli hotel simbolo di Palermo: il Grand Hotel delle Palme. Anche per un colosso come questo la crisi si fa sentire, costringendo chi di competenza a porre la parola fine dopo oltre un secolo di attività. Il gruppo Acqua Marcia, uno dei maggiori gruppi alberghieri dell’Isola, si prepara a una sfilza di licenziamenti negli alberghi più in della città.

Il gruppo immobiliare gestisce oltre al Grand Hotel delle Palme anche Villa Igea, l’Excelsior Hilton di Palermo, l’Excelsior Grand Hotel di Catania e l’Hotel Des Etrangers di Siracura. Le camere sembrano essere semi vuote durante la stagione invernale e la situazione sembra essersi aggravata ulteriormente a marzo dopo l’arresto per truffa del patron Francesco Bellavista Caltagirone.

La struttura registra negli ultimi tre anni un calo di fatturato del 71% e il fallimento è alle porte. Da gennaio il famigerato hotel di via Roma cesserà la sua attività licenziando 37 dipendenti su 41, in particolare considera in esubero: due capi ricevimento, cinque portieri, quattro guardarobieri, sette facchini, due persone di fatica, tre capocuochi, un maitre, cinque chef, quattro addetti al frigobar, un addetto alle cucine, un officiere e due impiegati.

“Siamo consapevoli che il settore del turismo in questo momento lamenta una riduzione delle presenze soprattutto in alcuni periodi dell’anno – dice Marianna Flauto della Ultucs Sicilia – perché purtroppo in Sicilia non si è mai raggiunto l’obiettivo della destagionalizzazione del settore anche per il disinteresse della politica. Ma i numeri dicono che nel 2014 ci saranno spiragli di recupero, ci fanno ben sperare, per cui riteniamo che i licenziamenti collettivi possano essere evitati attraverso il ricorso ad altri strumenti a garanzia dei livelli occupazionali, fatto salvo che per i lavoratori vicini alla pensione possano essere adottate misure per favorire il prepensionamento. Per quanto riguarda la chiusura dell’Hotel delle Palme, la notizia ci coglie di sorpresa e riteniamo che questo argomento vada affrontato più attentamente . Se dovessero esserci delle ipotesi di cessione forse è il caso che se ne parli quando ci sarà concretamente un soggetto interessato a rilevarlo”.

Ornella Caiolo

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.