Cronaca

Palermo, celebrato San Sebastiano, patrono della Polizia municipale

Foto internet

Questa mattina, S.E. Mons. Carmelo Cuttitta, Vescovo Ausiliario e Vicario generale di Palermo, ha celebrato presso la Chiesa di S.
Sebastiano alla Cala, la messa in onore di S. Sebastiano, il santo patrono della Polizia Municipale d’Italia alla presenza del Sindaco Leoluca Orlando, delle autorità civili e militari e degli agenti ed ufficiali del Corpo.

Nell’omelia Mons. Cuttitta, ha parlato della ricorrenza annuale della festa come “…un appuntamento di famiglia per coloro che svolgono un servizio concreto alla città, intriso di sacrificio…” e nel ricordare la figura di San Sebastiano, ufficiale ai tempi di Diocleziano, “…che non ha avuto paura nel testimoniare la sua fede cristiana …” ha introdotto la memoria di padre Pino Puglisi che “…nella sua testimonianza di fede non ha abbassato il capo contro la mafia..” , ricordandone la cerimonia di beatificazione prevista per il 25 maggio prossimo.

La Polizia Municipale con i suoi componenti deve essere anche essa testimonianza del bene – ha detto Mons. Cuttitta – attraverso il compimento del proprio dovere, per contribuire all’ ordine pubblico ed assicurare la convivenza civile, avendo come obiettivo il bene comune ed aiutare la nostra città nel suo processo di crescita e di sviluppo.”

Il Comandante del Corpo, Vincenzo Messina, dopo i ringraziamenti a Mons. Cuttita, al Sindaco, Leoluca Orlando ed alle autorità civili e militari presenti, ha voluto evidenziare “…come stia cambiando il ruolo della Polizia Municipale, diventando sempre più un organismo regolatore della vita di tutti i giorni, dalla disciplina del traffico alla tutela dei consumatori, dall’ambiente al controllo dell’abusivismo edilizio, connotandosi sempre di più come un presidio di legalità al fianco del cittadino ed una risorsa fondamentale delle politiche di miglioramento della sicurezza urbana…”

In tal senso il Comandante Messina ha sottolineato “…l’importanza della sinergia con le forze dell’ordine che trovano la massima espressione nell’ambito dei controlli integrati del territorio promossi dal questore Nicola Zito che attraverso la programmazione di interventi congiunti tra tutte le forze di polizia, consente di affrontare le problematiche più complesse, aumentando la percezione di sicurezza da parte dei cittadini…”
Un ringraziamento infine, ha rivolto a tutti i componenti del Corpo “…con i quali condivido sacrifici e difficoltà ma anche tante soddisfazioni e che attraverso il loro impegno assicurano e garantiscono ogni giorno le giuste aspettative dei cittadini…”

“Ringrazio la Polizia Municipale – ha detto il Sindaco Leoluca Orlando – che contribuisce, quotidianamente, alla crescita della nostra città attraverso l’insegnamento della legalità. Nel 2013 Palermo dovrà essere un mosaico di attività dove ogni tessera sarà fondamentale per la propria crescita e la Polizia Municipale è una tessera importante dell’attività dell’ Amministrazione Comunale che ogni giorno contribuisce a renderla più professionale essendo la carta di identità di Palermo. Oggi – ha concluso il primo cittadino palermitano – ci scambiamo gli auguri e l’impegno per costruire una Palermo migliore a la Polizia Municipale, che amo continuare a chiamarla Corpo dei Vigili Urbani ce la sta mettendo tutta”.

Alla fine della cerimonia è stato distribuito il Calendario 2013 della Polizia Municipale, la cui realizzazione grafica e fotografica è opera di componenti del Corpo, (Comm. Quartana, Comm. Miceli Comm. Pignataro, Isp. Lo Bianco, Ass. Di Paola) ed il cui filo conduttore nelle sue pagine è un susseguirsi di immagini del patrimonio artistico monumentale della città che, spaziando dalle antiche mura puniche alle ville liberty, dalla architettura arabo-normanna ai teatri neoclassici ed alle chiese barocche, caratterizza Palermo come una delle maggiori Città del Mediterraneo per la sua storia millenaria e le sue tradizioni.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.