CulturaPrimo Piano

PALERMO CAPITALE ITALIANA DELLA CULTURA 2018 – CURIOSITÀ ED EVENTI

palermo capitale della cultura 2018

(di redazione) Il 29 gennaio, con grande orgoglio, il Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni, il Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, il Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, il Sindaco Leoluca Orlando e l’Assessore alla Cultura del Comune Andrea Cusumano, hanno inaugurato l’anno di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018.

Cosa ha aiutato il Capoluogo Siciliano ha raggiungere questo traguardo? Palermo è sempre stata città interdisciplinare: architettura, archeologia, pittura, scultura e antropologia ne hanno caratterizzato la storia, lunga e travagliata.

Palermo è una città che si distingue per il vasto itinerario culturale: chiese, palazzi ricoperti da mosaici dorati, la Cappella Palatina, la Chiesa della Martorana, le catacombe del convento dei Cappuccini, le Fontane e le immense opere d’arte da secoli ne fortificano non solo il patrimonio m anche la fama.

Palermo è ricca di grandi Istituzioni nonché città natale di grandi nomi dell’arte. Annovera tra i suoi artisti nomi di un certo calibro. Citiamo Salvatore Lo Forte (1804 – 1885), Ernesto Basile (1857 – 1932), Francesco Lojacono (1838 – 1915), Mario Rutelli (1859 – 1941), Aldo Pecoraino, recentemente scomparso, Manfredi Beninati, Alessandro Bazan, Daniele Bongiovanni e Francesco De Grandi, tra i contemporanei.

Palermo è territorio affascinante anche per la sua qualità multiforme, luoghi e strade misteriose, si alternano a monumenti maestosi, come la Cattedrale e il Palazzo dei Normanni.

Gli eventi in calendario – Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018

Al dialogo tra le culture, poi, si ispira ”Love difference”, un grande tavolo specchiante che riproduce la forma del bacino del Mediterraneo, un’opera di Michelangelo Pistoletto. Il tavolo verrà installato per dodici mesi, in occasione di incontri e conferenze, a palazzo Sant’Elia, cuore delle iniziative in programma per Palermo 2018.

Il calendario degli eventi è fittissimo, tra i principali va segnalata Manifesta 12, l’attesa biennale d’arte che rappresenta una delle più grandi mostre europee itineranti, che avrà il suo quartier generale a Teatro Garibaldi. Ci sarà poi un ricco ciclo di spettacoli incontri, musica, arte, teatro e iniziative ancora in fase di studio.

Tra gli appuntamenti assolutamente da non perdere va segnalato il ritorno a Palermo di “Donna Franca Florio”, il celebre ritratto della nobildonna siciliana, opera del pittore Giovanni Boldini e simbolo della Belle Epoque. Il quadro sarà esposto a Villa Zito dal 16 marzo al 20 maggio.

Da vedere anche la mostra-evento su Antonello da Messina. TRa gli altri eventi di Palermo 2018 segnaliamo: le immagini di Spencer Tunick e quelle di Robert Capa, il festival MigrArti, la Festa Europea della Musica che coinvolgerà mille musicisti europei, un convegno sulle filosofie del Mediterraneo, una retrospettiva sull’artista giapponese Shozo Shimamoto, e tante altre manifestazioni.

Sono, poi previste altre iniziative in programma fino al 2020 in oltre venti siti di Palermo, tra cui il Castello della Zisa (dove nascerà il parco Al Medina al Aziz), la Palazzina cinese, Palazzo Butera, Teatro Garibaldi, i Cantieri culturali, l’Arsenale borbonico e il Museo del mare. La biblioteca Giorgio La Pira diventerà un punto di raccolta delle letterature islamiche, mentre una sinagoga aprirà nell’oratorio di Santa Maria del Sabato, messo a disposizione dalla Curia di Palermo.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.