Primo Piano

PALERMO CAMEL TROPHY 2018: LA DENINCIA DEL SINALP SICILIA

(di redazione) Da oltre 20 anni il dissesto è una costante che accomuna e caratterizza tutte le strade di Palermo. Si tratta di avvallamenti, frane, cedimenti, dissesti, buche e chi più ne ha più ne metta, che rendono le strade pericolose per chi vi transita a piedi, in moto o in auto. Non c’è una strada che non ha queste peculiarità ormai standardizzate.

La Giunta comunale come unico rimedio e soluzione ritenuta valida, essenziale e risolutiva ha escogitato, sicuramente dopo lunghi tavoli tecnici ed incontri con le parti in causa, la sistemazione di cartelli monitori o segnali di pericolo, in modo che gli automobilisti sono avvisati e quindi declinando ogni responsabilità in caso di
incidenti causati dal dissesto stradale.

A fine luglio con grande sorpresa e stupore in via Re Federico arrivano le maestranze che con grande sfoggio di mezzi e materiali ed incominciano ad asfaltare l’intera via.
Via che a memoria d’uomo a detta di chi vive in quel quartiere, non veniva asfaltata per intero dal oltre 20 anni, tanto che i suoi abitanti si erano anche affezionati alle buche storiche che venivano ormai considerate come punti di riferimento per scandire il tempo degli eventi verificatesi nel quartiere.

Dicevamo che a fine luglio via Re Federico veniva interamente asfaltata. Ma a Settembre, al rientro delle vacanze, ad appena un mese dall’evento epocale
dell’asfalto totale di una via, arriva un’ altra impresa che inizia a scavare la strada con l’asfalto ancora caldo dichiarando che lavoravano per “portare la fibra nel
quartiere”.

Oggi la Strada, asfaltata appena un mese fa, è ritornata nel suo stato storico, buche e rattoppi.
Da cittadini e da O. S. rappresentativa di interessi diffusi ci poniamo delle domande e le rivolgiamo al primo cittadino della nostra Città.

Caro Sindaco quanto è costato alla cittadinanza tutta, appena un mese di asfalto nuovo? Dopo appena un mese caro Sindaco chi ha autorizzato a bucare e
distruggere parte dell’asfalto appena collocato?

Caro Sindaco ma la quinta città d’ Italia ha un ufficio che coordina e programma gli interventi di manutenzione e gestione degli spazzi pubblici onde evitare questo
palese sperpero di denaro pubblico?

E se si, chi non ha notato che sarebbe stato meglio invertire gli interventi? Bastava prima installare i cavi della rete telefonica e dopo, solo dopo, asfaltare la strada per intero.

Il Sinalp rimane in attesa, nell’interesse dei cittadini di Palermo, di conoscere le motivazioni logiche di questo agire.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.