Cultura

Palermo, Bocca di Rosa di Mariella Buono diventerà un film

Mariella Buono (foto internet)

Presso l’Hotel Florio Operà di Palermo, ieri pomeriggio, si è tenuta la presentazione del libro Bocca di Rosa della scrittrice  San Cataldese Mariella Buono. Un libro di denuncia sociale, una voce fuori dal coro, piena  di speranza in un mondo confuso, che lotta contro i drammi inaccettabili della pedofilia, della discriminazione e della violenza sulle donne.  Il racconto ha come protagoniste, una mamma, Manira e una figlia Adeela, di 6 anni, caratterizzata da un segno sulle labbra che la renderà unica, vittime emarginate della violenza e dell’ignoranza di una cultura chiusa e gretta di un paese che leggittima queste pratiche.

Un viaggio che parte  da  Damasco, in Medio Oriente, passa per Roma, Catanzaro, Palermo, fino ad arrivare al paese d’origine dell’ autrice, San Cataldo. Le minuziose descrizioni dei luoghi, attraversati dalla protagonista, fanno da sfondo a due culture che si intrecciano e si scontrano. Due facce della stessa medaglia in cui la violenza si palesa in entrambi, ma per ragioni socio-culturali differenti.  Sullo sfondo di questo romanzo si ergono altre figure che incarnano i puri e i malvagi e che ci riportano all’eterna lotta tra il bene e il male, alla cupidigia e alle debolezze dell’uomo, ma anche alla forza e alla speranza di chi non vuole arrendersi a un destino già segnato che lotta per i diritti fondamentali della dignità umana.

Un racconto che ha già toccato la sensibilità di molti in tutta Italia e che presto verrà tradotto in lingua spagnola e che è già diventato copione per un adattamento cinematografico.

 Francesca Del Grosso

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.