CulturaPrimo Piano

Palermo, An Artful Confusion di Francesco Simeti alla Gam

Mostra Francesco Simeti (foto di Giada Mercadante)

Inaugurata ieri la mostra di Francesco Simeti alla Galleria d’Arte Moderna di Palermo. In un trionfo di colori l’artista ha realizzato anche delle installazioni e dei wall paper molto particolari che riproducono l’ambiente, un paesaggio fittizio , una natura artificiale.

I temi sono relativi alla sostenibilità ambientale e all’uso consapevole delle risorse naturali. Il titolo della mostra An Artful Confusion fa riferimento alla pratica dell’imitazione della natura nel paesaggio inglese, ispirata ad una concezione paesaggistica cinese, introdotta in Europa da Padre Matteo Ripa al ritorno dai suoi soggiorni in Cina, tra Settecento e Ottocento.

Francesco Simeti, artista palermitano che vive e lavora a Brooklyn ed espone in tutto il mondo, attualmente espone alla IX Biennale di Shanghai e, appunto, nella nostra Palermo con un’opera realizzata grazie alla collaborazione della Galleria d’Arte Moderna di Palermo.

Ai microfoni de Ilmoderatore.it Simeti si racconta.: “Quello che a me interessa è scatenare un processo critico nello spettatore. Io uso codici espressivi e decorazioni per creare immagini molto belle a partire da contenuti preoccupanti, a partire della nostra quotidianità, dalla guerra alla distruzione dell’ambiente. Rendo attraente questi temi. Cerco di generare nel fruitore delle domande”.

In alcune tele è presente un horror vacui e l’artista precisa: “l’essere pieno della tela è perché siamo soggetti a un flusso costante e continuo di informazioni, siamo bombardati da immagini. Il mio è un rielaborare le informazioni e le immagini a cui siamo sottoposti”. Continua Simeti: “Io non sono un pittore, ma si tratta di parati stampati digitalmente. Io utilizzo il Collage che viene fatto digitalmente”.

Il linguaggio di Francesco Simeti si basa sull’uso di immagini provenienti da fonti diverse, come la stampa, ma anche riviste e giornali di settore, libri di botanica, elementi tratti dalla pittura moderna che combinati tra loro formano pattern solo apparentemente decorativi.

La mostra è realizzata dall’Associazione Ars Mediterranea e Galleria Francesco Pantaleone, Palermo, e con il sostegno di Elenka S.r.L. e Banca Don Rizzo. Ars Mediterranea continua a fare un ottimo lavoro per portare alla Gam artisti validi come già abbiamo visto in passato, Alessandro Bazan, Adalberto Abbate, Francesco De Grandi, Stefania Galegati, e il grande Adrea Di Marco, che ci ha salutato troppo presto.

Giada Mercadante

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.