Cronaca

Palermo: arrestato parcheggiatore per estorsione e lesioni aggravate

Foto internet

E’ accaduto nel tardo pomeriggio di ieri a Palermo, verso le ore 18.00 circa, quando i Carabinieri della Stazione Piazza Marina, ad esito di un’immediata attività di indagine scaturita dalla aggressione perpetrata alle ore 12.30, in Piazza Marina, ai danni di un cittadino del Senegal, residente a Martina Franca (TA), riuscivano ad individuare e trarre in arresto Gaetano Luisi, nato a Palermo, classe 1964, volto noto alle forze dell’ordine, disoccupato, già sottoposto alla misura cautelare della libertà vigilata.

Sul conto del prevenuto, emergevano gravi e concordanti indizi di reità che lo vedevano responsabile di aver sottratto con la forza una borsa al malcapitato facendolo rovinare a terra provocandogli una “ferita lacero contusa al volto lato dx e la frattura del pollice mano sx” giudicata guaribile dai sanitari del pronto soccorso presso l’ospedale “Buccheri La Ferla” in gg. 20 s.c..

Dalla ricostruzione fatta dai Carabinieri della Stazione di Piazza Marina, la vittima, mentre si trovava in Piazza Marina unitamente alla compagna, in sosta ed a bordo di un’autovettura Lancia Y intenti a decidere se parcheggiare nella predetta piazza o recarsi ad altra destinazione, in tale circostanza, si avvicinava Luisi, il quale indispettito dalla presenza del mezzo, invitava i predetti a parcare l’autovettura o a liberare il posto o in alternativa a corrispondere la somma di euro 2 (due), atteso che, a suo dire gli stavano facendo perdere clientela. A tali richieste, il cittadino Senegalese, rispondeva che il parcheggio era libero e che nulla era dovuto.

In conseguenza di tale risposta, Luisi prima colpiva con un calcio l’autovettura su cui si trovava la coppia, e successivamente lo aggrediva con una bottiglia colpendolo al viso lato dx, provocandogli delle lesioni.

Rintracciato Luisi nei pressi della fermata dell’autobus di corso Vittorio Emanuele, angolo piazza Marina, accusato di estorsione aggravata e lesioni personali, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza, in attesa del rito per direttissima disposto dalla competente Autorità Giudiziaria nella giornata odierna, conclusosi con la convalida dell’arresto e la sottoposizione alla misura degli arresti domiciliari.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.